Risposta della Direzione Aziendale ORMN alla Cisl

logo ospedali marche nord Fano 01/04/2011 -

In merito alle affermazioni di Paolo Braconi della Cisl, la Direzione Aziendale degli Ospedali Riuniti Marche Nord fa alcune precisazioni.



Il quadro illustrato dal segretario della Cisl non è esatto. Previste diciassette ostetriche in pianta organica e 17 saranno dal 1 maggio. Non ci sono incarichi vacanti o mancate sostituzioni. Dal primo maggio verrà garantita la normale articolazione dei turni di servizio e di pronta disponibilità.

Attualmente il servizio è dotato di 12 ostetriche, di cui 2 assenti per malattia. La loro mancanza non ha generato sovraccarichi di lavoro al personale infermieristico in quanto l’attuale riorganizzazione non riguarda le attività di reparto ma di sala operatoria. Per il mese di aprile, proprio per non pesare sugli infermieri, la pronta disponibilità per le urgenze di sala operatoria, normalmente garantita anche dalle ostetriche di reparto, verrà gestita dal solo personale della sala operatoria. Con il rientro di quelle attualmente in malattia riprenderanno i turni per le ferie.

Il direttore generale Aldo Ricci fa una ulteriore precisazione: “Fino ad ora abbiamo portato avanti un percorso trasparente che ha visto il coinvolgimento diretto dei professionisti di Pesaro e Fano. Per questo terminate le discussioni di budget attualmente in corso, illustreremo lo stato dei lavori, l’integrazione tra i due presidi, la riorganizzazione amministrativa e sanitaria, i progetti e le qualificate attività che hanno preso forma negli ultimi tre mesi, cioè dalla nascita operativa della nuova azienda Ospedali Riuniti Marche Nord”.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 01-04-2011 alle 17:11 sul giornale del 02 aprile 2011 - 581 letture

In questo articolo si parla di attualità, cisl, pesaro, Ospedali Riuniti Marche Nord, ospedali marche nord

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/i94