Controlli sul territorio: rubava in autobus a Fano. A Marotta una discarica abusiva

carabinieri fano 3' di lettura Fano 01/04/2011 -

I carabinieri della Compagnia di Fano, nel corso dei servizi di controllo del territorio, hanno eseguito due  arresti per furto aggravato e diverse denunce. Sono stati inoltre Individuati e denunciati quattro clandestini afghani ed è stata scoperta una discarica abusiva a servizio di un’autofficina. Infine è stata recuperata anche un’auto rubata.



I Carabinieri della Compagnia di Fano, negli ultimi giorni, nel corso dei servizi di controllo del territorio, hanno proceduto all’arresto del pregiudicato A.M.A. 43enne residente nella provincia di Pesaro, per furto aggravato e ricettazione. L’uomo, a Fano, su di un autobus di linea, aveva rubato a un passeggero il telefono cellulare, del valore di 200 euro circa. Un altro viaggiatore, accortosi di quanto avvenuto, ha telefonato al 112 chiedendo l’intervento dei militari che hanno bloccato il pregiudicato recuperando il telefonino. Nel corso degli ulteriori accertamenti, eseguiti dai militari della locale Stazione, il 43enne è stato trovato in possesso di altri tre telefoni cellulari risultati rubati.. A.M.A. è stato quindi rinchiuso nella camera di sicurezza del Comando con le accuse di furto aggravato e ricettazione.

Due persone di Fano sono state segnalate all’Autorità Giudiziaria per smaltimento illecito e deposito di rifiuti pericolosi dai Carabinieri di Marotta che hanno individuato uno spiazzo, a servizio di un’autofficina, fove veniva eseguito il deposito incontrollato di contenitori di oli minerali esausti, rottami di veicoli e vecchie parti meccaniche contenenti liquidi inquinanti. Per i provvedimenti di immediata competenza sono state informate l’A.R.P.A.M. di Pesaro e le competenti Autorità comunali.

Quattro clandestini afghani sono invece stati individuati dai militari di Saltara e San Giorgio di Pesaro lungo la Flaminia, in prossimità di Fano. I quattro sono stati accompagnati negli uffici della Compagnia e sottoposti a identificazione e alle procedure per l’espulsione dal territorio nazionale. Nei loro confronti è scattata anche una denuncia per il reato di soggiorno illegale nel territorio nazionale.

Un arresto per tentato furto aggravato e violazione delle norme sull’immigrazione è stato eseguito dai Carabinieri della Stazione di San Giorgio di Pesaro. A.B., 32enne clandestino nigeriano, pregiudicato, l’altra pomeriggio, dopo aver scavalcato un terrazzo, si è introdotto in un’abitazione del posto con l’intenzione di rubare. L'extracomunitario aveva iniziato ad aprire alcuni cassetti quando si è trovato di fronte la proprietaria di casa che, spaventata, ha iniziato a gridare. L’uomo si è così dato alla fuga inseguito dal marito della donna che, nel frattempo, ha fatto chiamato i carabinieri. I militari hanno bloccato e arrestato l’uomo, che è risultato anche colpito da un provvedimento di espulsione dal territorio nazionale a cui non aveva ottemperato vivendo di espedienti e piccoli furti. Il 32enne è stato rinchiuso nella camera di sicurezza del Comando Compagnia di Fano in attesa del giudizio per direttissima.

Infine, nel corso dei controlli eseguiti a Fano è stata rinvenuta e recuperata, e successivamente restituita al proprietario, un’auto Fiat Brava risultata rubata giorni fa nella provincia di Macerata.






Questo è un articolo pubblicato il 01-04-2011 alle 12:02 sul giornale del 02 aprile 2011 - 891 letture

In questo articolo si parla di cronaca, giulia mancinelli, furto, afgani