Biblioteca Federiciana, intervento di Torriani

francesco torriani 2' di lettura Fano 30/03/2011 -

L’Assessore alla Cultura, Mancinelli, rispondendo all’ennesima interrogazione sullo stato della Biblioteca Federiciana ha sostenuto ancora una volta che tutto va bene, continuando ad ignorare tutta una serie di questioni che invece minano seriamente la funzionalità della nostra biblioteca comunale.



Come ad esempio: la parziale informatizzazione per la ricerca dei libri che è iniziata a metà degli anni 80 ma ha riguardato solamente i nuovi volumi, mentre i preesistenti risultano ancora catalogati con il tradizionale vecchio schedario; insufficienti spazi per l’emeroteca, una delle più importanti delle Marche, al punto che i giornali e le riviste sono accatastate alla rinfusa; la scarsa disponibilità di fondi per l’acquisto di nuovi libri, enormemente al di sotto degli standard che dovrebbe rispettare una biblioteca quale la Federiciana.

A questi importanti problemi se ne aggiunge un altro molto grave ovvero la carenza di personale che nei sette anni di Amministrazione di centrodestra è progressivamente diminuito, passando da 7 unità a 4 e, tra poco, a 3 unità. Va detto che anche a causa della carenza di personale è stato attuato un nuovo orario al pubblico depennando il sabato come giornata di apertura, con grave danno per i numerosi studenti che scelgono come luogo preferito per lo studio e lo svolgimento dei compiti la biblioteca. Su questa importante questione l’Assessore a fornito ulteriori dati, dai quali parrebbe che la questione carenza di personale non ci sia, sottovalutando, a dir poco, la carenza di personale qualificato in grado di rispondere alle esigenze dei ricercatori, la necessità che il ricambio generazionale del personale avvenga con gradualità per permettere un’adeguata trasmissione delle conoscenze legate alla biblioteca stessa e che comunque non può essere che in alcuni orari della giornata in tutta la biblioteca rimanga un solo dipendente per tutte le funzioni.

Anche per quanto riguarda la richiesta di informazioni sulla nuova Fondazione Federiciana, nata appunto per la gestione integrata della Biblioteca Federiciana con la nuova Memoteca Montanari, le risposte sono state, per citare un termine usato dallo stesso Assessore Mancinelle, “prospettiche” della serie abbiamo attivato un gruppo di lavoro che sta studiando il funzionamento integrato delle due biblioteche, prospettando, appunto delle soluzioni, ma di risposte certe ai quesiti posti dall’interrogazione nessuna.


da Francesco Torriani
consigliere comunale Pd




Questo è un comunicato stampa pubblicato il 30-03-2011 alle 16:04 sul giornale del 31 marzo 2011 - 470 letture

In questo articolo si parla di attualità, fano, biblioteca, Francesco Torriani, pd

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/i30