Pd: permessi ztl, più paghi meno hai

partito democratico Fano 29/03/2011 -

In questi giorni è entrata in vigore la deliberazione di giunta 509 del 31/12/2010 che regola le tariffe per i permessi di accesso in zona Z.T.L. che nella pratica per i residenti si traduce in una ulteriore tassazione senza un corrispettivo aumento dei servizi.



Ricapitolando per entrare nella Z.T.L. di competenza essi pagheranno la sola marca da bollo per la prima auto, mentre per la seconda e terza vettura, oltre alla marca da bollo rispettivamente 120 e 200 €. Sono diventati a pagamento anche i permessi per motocicli e ciclomotori (prima esentati) e sono aumentate le tariffe per chi possiede un garage in Z.T.L. In più sono ulteriormente tassate anche tutte le categorie di professionisti, artigiani e commercianti che lavorano nel centro storico. I residenti riferiscono inoltre che l'Amministrazione in perfetto stile berlusconiano ha prorogato nel mese di dicembre, per altri tre mesi, i numerosi permessi in scadenza, in modo da applicare le nuove tariffe anche a questi ultimi.

E' evidente che anche questa manovra fatta frettolosamente dalla Giunta Aguzzi, come le nuove tariffe dei permessi, ha il solo scopo di aumentare gli introiti per il Comune nel più totale disinteresse da quelle che sono le reali esigenze dei cittadini e delle famiglie che abitano il centro storico. E’ facile immaginare le difficoltà che possono avere le famiglie di disoccupati o cassa integrati residenti in centro nel far fronte a siffatti costi. Il tutto avviene poi senza contraccambiare con maggiori servizi come accade in molte altre città meglio amministrate, dove per esempio chi ha un garage in Z.T.L. per le rispettive auto, moto e scooter non paga nulla perché ovviamente non occupa posti esterni o chi è residente in zona Z.T.L. e non ha un garage ha la possibilità di parcheggiare gratuitamente nei posti per residenti che a Fano sono insufficienti o parcheggiare nelle strisce blu con abbonamenti che partono da 25 € biennali (1 euro al mese).

E’ necessario che la Giunta Aguzzi riduca le tariffe legandole al reddito dei residenti come per esempio già accade con gli asili le cui quote sono regolate dal modello ISEE. In più sarebbe opportuno desse, in cambio di simili balzelli, la possibilità ai residenti di parcheggiare a tariffe fortemente ridotte sulle strisce blu ed eliminasse (come già accade in altre città) la tassa sui garage, a mio avviso ingiusta ed incoerente poiché i proprietari né occupano posti esterni né intralciano la circolazione. Invece a Fano vige il famoso detto “cornuti e mazziati” perché più paghi e meno hai. Specialmente in un periodo in cui numerosi cittadini e tantissime famiglie sono alle prese con le pesanti conseguenze della crisi economica mettere le mani nelle loro tasche è la scelta emblematica di questa Giunta berlusconiana che non perde occasione per spolpare in tutti i modi il nostro centro storico.


da Enrico Fumante
Consigliere Comunale e Coordinatore Circolo PD Fano Centro Mare





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 29-03-2011 alle 10:38 sul giornale del 30 marzo 2011 - 933 letture

In questo articolo si parla di attualità, partito democratico, pd, Enrico Fumante

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/iZC





logoEV