'Dona Flor e i suoi due mariti' in scena al Teatro Della Fortuna

Caterina Murino Fano 25/03/2011 -

Una favola, un racconto magico, esoterico o forse solo una metafora leggera e “variopinta” sulle possibilità dell’amore. Dona Flor e i suoi due mariti è uno dei romanzi più famosi e letti dello scrittore brasiliano Jorge Amado, che ora è stato felicemente riscritto per il teatro da Emanuela Giordano che ne cura anche la regia.



Lo spettacolo, al suo secondo fortunato anno di tournée arriva al Teatro della Fortuna dal 29 al 31 marzo, prossimo appuntamento di FanoTeatro, stagione di prosa della Fondazione Teatro della Fortuna in collaborazione con Amat. La bellissima Caterina Murino è Dona Flor, Paolo Calabresi e Max Malatesta sono i due mariti, rispettivamente il farmacista sposato in seconde nozze e il primo, defunto, sposo mai dimenticato.

La storia è tanto nota quanto surreale. Flor è una dolce e pudica creatura di Bahia che convola in prime nozze con un adorabile mascalzone, giocatore e sciupafemmine. Alla morte del marito, dopo un anno di sofferta vedovanza, si risposa con un affettuoso, devoto e morigerato farmacista. Flor scopre che il desiderio può compiere prodigi inaspettati e che il suo appetito d’amore non si può saziare con un solo marito. Ce ne vogliono due. Il desiderio è così forte da “materializzare” lo spiritello vivace del primo amore che si intrufolerà nel letto del secondo legittimo marito, regalando a Flor l’illusione di una pienezza altrimenti irraggiungibile. Intorno a lei un “coro” di donne. Le voci, i consigli, le chiacchiere, le dicerie, le calunnie, le illazioni, i riti magici, i cordogli e le esultanze delle tre amiche, Gisa, Dinora e Norma, sguardi sfacciati e spudorati sulla vita e gli amori della giovane Flor. E Dona Rosilda, la madre, dispotica “regina” piccolo borghese, che sputa sentenze e scomode, nonché comiche, verità sul matrimonio e le sue ragioni sociali.

Caterina Murino è una delle nostre bellezze d’esportazione, già Bond-girl ed interprete del nuovo cinema nostrano e francese, una delle attrici italiane più quotate all’estero. Paolo Calabresi noto al grande pubblico per la sua partecipazione alla trasmissione televisiva “Le Iene” è in realtà un attore di teatro di grande spessore e di lunga carriera che ha lavorato con i più importanti registi, da Strehler a Ronconi, da Albertazzi e Castri, passando per De Monticelli, Missiroli e De Bosio. E dal teatro viene anche Max Malatesta giovane attore che si è affermato con alcuni spettacoli diretti da Maurizio Scaparro come Il gabbiano di Cechov (accanto a Valeria Moriconi e Corrado Pani), Amerika di Kafka e Romeo e Giulietta di Shakespeare. Il coro di donne è impersonato da Serena Mattace Raso, la madre, e da Simonetta Cartia, Claudia Gusmano, Laura Rovetti, le amiche.

Lo spettacolo è un vero e proprio ritratto di suoni, profumi e sapori del Brasile, in cui risaltano le note delle musiche originali eseguite dal vivo dalla Bubbez Orchestra. La produzione è della Compagnia Mario Chiocchio, l’impianto scenico di Andrea Nelson Cecchini, le installazioni visive di Claudio Garofalo, le coreografie di Juan Diego Puerta, le luci di Michelangelo Vitullo.

Inizio spettacoli ore 21.15. Biglietterie Botteghino Fano. 0721.800750, fax 0721.827443, botteghino@teatrodellafortuna.it. Circuito AMAT. AMAT - BIGLIETTERIA DEI TEATRI IN RETE, Pesaro, tel. 0721 638882. Per altri punti vendita Circuito Amat: info 071.2072439. Bigletteria online. Vivaticket - dal sito www.vivaticket.it o attraverso Pagine Gialle chiamando il numero 89.24.24.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 25-03-2011 alle 17:06 sul giornale del 28 marzo 2011 - 544 letture

In questo articolo si parla di teatro, fano, spettacoli, teatro della fortuna, Fondazione Teatro della Fortuna, caterina murino, dona flor

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/iTi