D'Anna sulla sanità: tagli a Pesaro e Urbino, soldi a Potenza Picena

giancarlo d'anna Fano 25/03/2011 -

Con delibera n.288 dell'8 marzo 2011 la Giunta Regionale ha stabilito una forte diminuzione di spesa per il personale sanitario. !0 milioni di euro per il 2011 e altri 10 milioni per il 2012.



Una decisione pesantissima che inevitabilmente si ripercuoterà negativamente sul personale già ridotto al lumicino sopratutto quello infermieristico costretto a turni massacranti ed inevitabilmente pesanti saranno le ripercussioni sui cittadini. Tanto per fare un esempio comune in tutta la regione nei Pronto Soccorso.

La “rivoluzione” sulla sanità delle Marche è nuda. Un esempio di quello che accadrà viene dall'Inrca dove sono state accorpate dermatologia,urologia,day surgery, piede diabetico oltre a carenze di logopedisti e fisioterapisti come denunciano i sindacati. In questo contesto la regione Marche taglia al pubblico ma sponsorizza il privato. Nella stessa seduta dell'8 marzo salta subito all'occhio un'altra delibera la 315 con cui la Giunta Regionale del Presidente Spacca assegna all'Istituto di Riabilitazione Santo Stefano S.p.a di Porto potenza Picena 35.282.951,85euro per prestazioni di riabilitazione.

Quasi l'intera cifra prevista di tagli al personale pubblico nell'anno corrente e nel prossimo. Insomma invece di investire nella sanità pubblica si rimpinguano le casse dei privati in un circolo vizioso dal quale la sanità pubblica esce con le ossa rotte. Non vanno meglio quelle novità introdotte di recente come la neonata azienda Ospedaliera Marche Nord .Sono previsti tagli al personale per oltre due milioni di euro nei prossimi due anni. Ebbene anche in questo caso nello stesso giorno mentre si chiedevano tagli al personale la giunta con delibera 318 autorizzava l'istituzione di 3 posti di Dirigenti delle Professioni Sanitarie per 192.932,00 euro nella stessa Azienda Ospedaliera.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 25-03-2011 alle 16:04 sul giornale del 26 marzo 2011 - 425 letture

In questo articolo si parla di politica, Popolo delle Libertà, Giancarlo d'anna