Porto, D'Anna: 'Il dragaggio non è più rinviabile'

giancarlo d'anna Fano 10/03/2011 -

Dragaggio del porto. A questo punto occorre dragare tutto e depositare in sito temporaneo. La vasca di colmata è lungi da venire, infatti prima di settembre non inizieranno i lavori, il che vuol dire che la disponibilità di quel sito slitta al 2012 se non ci sono ulteriori problemi.



Resta il fatto che il dragaggio non è più rinviabile. La proposta del sito temporaneo l'avevo fatta, inascoltato, già due anni fa. E' chiaro questa è una soluzione più costosa del conferimento diretto nella vasca di colmata.

Ma quella vasca, nonostante garanzie, promesse, interessamenti veri o fasulli non è ancora pronta e non c'è certezza che una volta pronta possa ospitare tutto quanto dragato a Fano. Giusta quindi la protesta della marineria. Il rischio è serio ed aspettare oltre sarebbe folle. La regione si è presa degli impegni che ancora una volta non ha mantenuto.

Si ricordi la Regione Marche, oltre la moretta, di chi quella bevanda l'ha fatta conoscere con un lavoro duro: la marineria di Fano. Attendere ancora non è più tollerabile, si mette a rischio non solo un settore, ma anche l'incolumità di chi l'esercita.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 10-03-2011 alle 16:33 sul giornale del 11 marzo 2011 - 468 letture

In questo articolo si parla di porto, fano, politica, Popolo delle Libertà, pdl, Giancarlo d'anna, consigliere regionale

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/ijw