A San Giorgio di Pesaro appuntamento con DisUguali: donne, diritti, violenza negli anni zero

disuguali locandina 2' di lettura Fano 10/03/2011 -

Domenica 13 marzo, ore 16.30, a San Giorgio di Pesaro, nelle sale del museo MuSA, primo appuntamento di DisUguali. Donne, diritti, violenza negli anni zero, ciclo di conversazioni e una mostra sul tema che solcherà la provincia per tutta la primavera. Sono riflessioni a più voci sul mondo femminile con testimoni, operatori, scrittori e specialisti. Persone che si sono occupate, si occupano o hanno avuto esperienza della violenza nelle sue diverse pieghe.



Il primo incontro, Prospettive di "vita bassa", è dedicato al lavoro delle donne. Ne discutono Monia Andreani (bioeticista, Università per stranieri di Perugia) e Alessandra Vincenti (sociologa, Università di Urbino). Per favorire la partecipazione delle famiglie ci sarà un servizio di animazione per bambini.

Il progetto è stato ideato e coordinato dall'associazione culturale LiberaMente (Villanova di Montemaggiore) come un progetto “in tour”, come per i musicisti che condividono il palco con artisti diversi, incontrano situazioni differenti, un pubblico diverso. Un’occasione per scambiarsi idee ed esperienze diverse, spesso estreme, come il caso di diciassette anni di violenze domestiche subite da Beatrice Lilli, o dell'esperienza della guerra per Indira Ludak Begic e Azra Ibrahimovic, che arrivano dalla Bosnia.

Gli argomenti sono affrontati legandoli a tematiche concrete, in una declinazione plurale che dia prospettive differenti rispetto al tradizionale discorso culturale patriarcale sulla violenza contro le donne, sul lavoro, la sessualità, la spiritualità, la memoria e l’identità. Perché le donne restano, nel bene e nel male, disuguali, simili agli uomini, non del tutto diverse, ma non uguali. Gli argomenti sono di attualità.

Un’indagine ISTAT del 2006, rileva che il 31,9% delle donne che vivono in Italia ha subito violenza, e la violenza in famiglia resta la prima causa di morte non accidentale delle donne tra i 16 e i 44 anni. La media della nostra regione supera quella nazionale. Nelle Marche, infatti, il 34,4 per cento delle donne dichiara di aver subito violenza fisica o sessuale e il 16,4 % ha subito abusi all’interno delle mura domestiche. Non tacere di fronte a queste cifre è necessario.

Info: www.associazione-liberamente.it



...

disuguali ...






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 10-03-2011 alle 17:23 sul giornale del 11 marzo 2011 - 568 letture

In questo articolo si parla di attualità, locandina, disuguali

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/ikb