D'Anna: 'Camera mortuaria sovraffollata'

Giancarlo D\'Anna Fano 07/03/2011 -

Nove salme in uno spazio previsto per sei. Un sovraffollamento in un luogo dove il grave e delicato momento richiederebbe un minimo di riservatezza. Così non è stato domenica 6 marzo presso nuova camera mortuaria di Fano. Quella nuova struttura, resa fruibile dopo lunghe battaglie e infiniti lavori (diverse le interrogazioni che presentai da consigliere comunale negli anni) che avrebbe dovuto risolvere i problemi di sovraffollamento che si verificavano nelle vecchie camere mortuarie.



Senza il restauro, previsto della Vecchia struttura, però, i problemi si spostano solo di qualche metro. Un storia infinita che spesso non viene sollevata, visto il momento che vivono i congiunti, ma che viene subita. Perché i lavori di risistemazione dei vecchi locali sono bloccati? Si ripeterà la solita drammatica farsa di assegnazione dell'appalto, la partenza dei lavori e il successivo blocco?

E' possibile che nemmeno da morti si riesca a lasciare questo mondo senza l'ultimo insensibile ostacolo burocratico? Una lunga battaglia per far si che Fano potesse avere un luogo degno per dare l'ultimo saluto a parenti ed amici sembrava fosse finita con la costruzione della nuova struttura. Così non è stato. Rilanciamo l'offensiva per chiedere l'immediata ripresa dei lavori che consentiranno di avere gli spazi adeguati per ospitare i defunti che ci segnalano arrivano anche da fuori città. Non si può aspettare oltre.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 07-03-2011 alle 15:10 sul giornale del 08 marzo 2011 - 559 letture

In questo articolo si parla di fano, politica, Popolo delle Libertà, Giancarlo d'anna, camera mortuaria

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/h0Y