Contributi a progetti a favore delle famiglie e dei giovani, interrogazioni di Benini

Bene Comune Fano 03/03/2011 -

Contributi a progetti a favore delle famiglie e a progetti di promozione dei giovani.



Il sottoscritto Luciano Benini, consigliere comunale di Bene Comune, premesso

che l’assessorato alle Politiche sociali e della famiglia ha lanciato un bando per l’assegnazione di contributi economici ad associazioni senza scopo di lucro;

che i fondi - di cui non si conosce ancora l’entità precisa visto che il Comune di Fano in questi giorni è impegnato nello stilare il bilancio 2011 - sono destinati a soggetti, persone fisiche e giuridiche, che svolgano attività di particolare interesse per la promozione delle famiglie nel territorio comunale, senza finalità di lucro;

che il bando scade il 30 giugno;

che dal bando risulta che la graduatoria verrà stilata dal Dirigente dei Servizi Sociali sulla base di criteri estremamente generici e vaghi quali il “valore e qualità dell'iniziativa, coinvolgimento delle famiglie, promozione dell'immagine della città di Fano, riflessi socio-educativi e culturali, prestigio dei soggetti partecipanti”;

che pertanto nel bando non vi sono indicatori oggettivi per valutare la qualità del progetto proposto e neppure il punteggio da assegnare per ogni caratteristica dello stesso;

che ciò lascia totale e ingiustificata discrezionalità all’amministrazione comunale;

che non è normale emettere un bando nel quale non vi sia neppure indicata la cifra a disposizione dei progetti; interroga il Sindaco per conoscere

perché viene emesso un bando di questo genere;

quanti soldi sono stati messi a disposizione di questo bando;

se i fondi sono del Comune di Fano o dell’ambito sociale;

se non si ritiene opportuno annullare il bando e riemetterlo quando vi sarà certezza sui fondi a disposizione ed introducendo indicatori e punteggi oggettivi e trasparenti che non diano adito ad accuse di favoritismi.

Premesso

che l’assessorato alle Politiche giovanili e per il tempo libero ha lanciato un bando per l’assegnazione di contributi economici ad associazioni senza scopo di lucro;

che i fondi - di cui non si conosce ancora l’entità precisa visto che il Comune di Fano in questi giorni è impegnato nello stilare il bilancio 2011 - sono destinati a soggetti, persone fisiche e giuridiche, che svolgano attività di particolare interesse per la promozione dei giovani nel territorio comunale, senza finalità di lucro; che il bando scade il 30 giugno;

che dal bando risulta che la graduatoria verrà stilata dal Dirigente dei Servizi Sociali sulla base di criteri estremamente generici e vaghi quali il “valore e qualità dell'iniziativa, coinvolgimento dei giovani, promozione dell'immagine della città di Fano, riflessi socio-educativi e culturali, prestigio dei soggetti partecipanti”;

che pertanto nel bando non vi sono indicatori oggettivi per valutare la qualità del progetto proposto e neppure il punteggio da assegnare per ogni caratteristica dello stesso;

che ciò lascia totale e ingiustificata discrezionalità all’amministrazione comunale;

che non è normale emettere un bando nel quale non vi sia neppure indicata la cifra a disposizione dei progetti;

interroga il Sindaco per conoscere

perché viene emesso un bando di questo genere;

quanti soldi sono stati messi a disposizione di questo bando;

se i fondi sono del Comune di Fano o dell’ambito sociale;

se non si ritiene opportuno annullare il bando e riemetterlo quando vi sarà certezza sui fondi a disposizione ed introducendo indicatori e punteggi oggettivi e trasparenti che non diano adito ad accuse di favoritismi.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 03-03-2011 alle 18:46 sul giornale del 04 marzo 2011 - 564 letture

In questo articolo si parla di fano, politica, famiglia, bene comune, luciano benini, lista bene comune, giovane, contributo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/h3Q