Giro dei vite dei carabinieri, arresti e denunce a tappeto

carabinieri fano Fano 01/03/2011 -

Controlli a tappeto sul territorio da parte dei carabinieri della Compagnia di Fano che hanno eseguito tre arresti e diverse denunce. Scoperto l’autore di un tentato furto notturno avvenuto nel 2009 ai danni di un supermercato del centro storico e recuperata un’autovettura rubata del valore di oltre 20.000 euro.



I Carabinieri della Compagnia di Fano, negli ultimi giorni, nel corso dei servizi di controllo del territorio finalizzati alla prevenzione dei reati contro il patrimonio e la persona, hanno denunciato per “minacce aggravate”, un 42enne del luogo, che dopo un litigio per futili motivi con il vicino di casa lo aveva minacciato con un coltello da cucina con una lama di 18 cm..

I militari del Nucleo Radiomobile hanno rinvenuto, nella periferia di Fano, un’autovettura Volkswagen Golf, di recente immatricolazione, risultata rubata nei giorni scorsi nella provincia di Venezia. L’autovettura, del valore di 20.000 euro circa, è stata recuperata per la restituzione al legittimo proprietario. Sempre i militari del Nucleo Operativo della Compagnia di Fano, a conclusione di indagini di polizia giudiziaria, hanno segnalato all’autorità giudiziaria di Pesaro M.C.D., 32enne pregiudicato romeno domiciliato nella provincia di Rimini, con le accuse di “tentato furto aggravato e ricettazione ”. Il romeno, la notte del 21 aprile 2009, nel centro storico di Fano, con una grossa pietra tentò di infrangere la vetrata di un supermercato dandosi poi alla fuga a seguito dell’attivazione dell’impianto d’allarme. L’autovettura utilizzata per la fuga, una Ford Escort rubata, fu abbandonata dal ladro nel stesso centro storico e poi recuperata dai carabinieri intervenuti sul posto. A tradire il responsabile del furto alcuni filmati di telecamere a circuito chiuso della zona ed i rilievi tecnico-scientifici eseguiti dai militari sul veicolo utilizzato.

Una denuncia per guida in stato di ebbrezza è stata elevata a carico di un 36enne di Fano sorpreso alla guida in stato di alterazione psicofisica derivante dall’abuso di alcol. I carabinieri della Stazione di Monte Porzio, inoltre, hanno tratto in arresto un 36enne pregiudicato marocchino colpito da un ordine di carcerazione, poiché doveva scontare la pena di tre mesi di reclusione per guida in stato di ebbrezza. L’uomo è stato condotto nel carcere di Pesaro.

Una denuncia in stato di libertà è stata formulata dai Carabinieri di Saltara nei confronti di M.D., 18enne pregiudicata residente a Milano,ma domiciliata a Fano, per “concorso in furto aggravato ed indebito utilizzo di carte di credito”. La giovane, insieme con la 34enne pregiudicata di origine veneta A.G., già tratta in arresto il 5 febbraio dai militari di Saltara per gli stessi reati, era entrata con la complice in un negozio di abbigliamento di Saltara impossessandosi del portafogli della proprietaria contenente alcune carte dei credito che subito utilizzò per prelevare la somma di 500 euro da una vicina postazione bancomat della zona. M.D., nell’occasione, era riuscita a fuggire con il denaro ed a far perdere le proprie tracce. Ad inchiodarla le immagini delle telecamere della banca dove è situato il bancomat utilizzato per prelevare il denaro.

Due arresti sono stati effettuati sempre dai Carabinieri di Saltara in esecuzione di due distinti provvedimenti di carcerazione nei confronti di un pregiudicato 41enne, che deve rispondere dei reati di spaccio di sostanze stupefacenti ed agevolazione all’uso di stupefacenti, e di un 44enne pregiudicato che deve scontare la pena di un anno e tre mesi tre di reclusione per “ricettazione”. I due pregiudicati sono stati rinchiusi nel carcere di Pesaro. Infine, alcuni grammi di cocaina, hashish e marijuana sono stati sequestrati sempre dai militari di Saltara a tre giovani residenti nella provincia di Pesaro. Dato lo stupefacente era detenuto per uso personale, i tre giovani sono stati anche segnalati alla Prefettura di Pesaro e Urbino per le sanzioni amministrative previste dalla normativa sugli stupefacenti, fra le quali la sospensione della validità delle loro patenti di guida.






Questo è un articolo pubblicato il 01-03-2011 alle 08:23 sul giornale del 02 marzo 2011 - 688 letture

In questo articolo si parla di cronaca, giulia mancinelli, fano, carabinieri

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/hUQ