Si è riunito il coordinamento a sostegno della campagna referendaria per l'acqua pubblica

campagna referendaria 2 SI per l'acqua bene comune 2' di lettura Fano 17/02/2011 -

Si è tenuto mercoledì 15 febbraio il primo incontro del coordinamento cittadino a sostegno della campagna referendaria per l’acqua pubblica.



Dopo aver raccolto più di 2200 firme a sostegno dei referendum contro la privatizzazione dell’acqua, il Comitato fanese si è ri-costituito per affrontare la fase di sostegno del voto referendario. Per il momento fanno parte del Comitato fanese:

PARTITI/MOVIMENTI POLITICI
Bene Comune
Fano a 5 Stelle
Sinistra Unita
Sinistra Ecologia Libertà Provinciale
Partito Democratico
Movimento Radicalsocialista
Fano dei Quartieri

ASSOCIAZIONI/MOVIMENTI/ENTI
Movimento Internazionale della Riconciliazione M.I.R.
Ufficio Diocesano per la pastorale sociale e del lavoro
Ufficio Diocesano nuovi stili di vita
ACLI Provinciali
Lupus in Fabula
Amici del Quilombo
Banca del Gratuito
Sala della Pace
CGIL

Il Comitato fanese ha confermato l’adesione agli obiettivi posti dal Comitato promotore nazionale: modifica degli Statuti comunali per dichiarare l’acqua bene privo di rilevanza economica e sostegno ai referendum sull’acqua. Poiché poi lo scioglimento del Parlamento farebbe slittare di un anno la votazione sui referendum, il Comitato fanese sostiene anche la campagna per la moratoria dell’entrata in vigore della legge sulla privatizzazione dell’acqua. Il Comitato fanese, concordando con gli obiettivi nazionali, ritiene fondamentale la modifica dello Statuto comunale, che a Fano verrà discussa e votata in consiglio comunale nei prossimi giorni: in tal modo, infatti, si pone un ostacolo serio alla privatizzazione dell’acqua in attesa che il voto referendario possa definitivamente abrogare una legge ingiusta e profondamente osteggiata dalla gente.

Il Comitato fanese auspica ulteriori adesioni sulla base degli obiettivi sopra indicati. L’invito è rivolto anche alla Tua Fano, che non può pensare, peraltro di stravolgere gli obiettivi del movimento che chiede un impegno anche sul fronte della modifica degli statuti comunali inserendo l’acqua quale bene non economico. E su questo i comportamenti de La Tua Fano sono stati,finora, in senso opposto.


da Comitato Referendario
per la Tutela dell’Acqua Pubblica




Questo è un comunicato stampa pubblicato il 17-02-2011 alle 17:40 sul giornale del 18 febbraio 2011 - 478 letture

In questo articolo si parla di attualità, fano, acqua, gestione, Comitato Referendario per la Tutela dell’Acqua Pubblica, 2 si

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/hwS





logoEV