Panaroni: un ospedale nel parcheggio

06/02/2011 -

Si è discusso parecchio sulle troppe macchine in giro e parcheggiate nei viali interni dell’Ospedale Santa Croce. Si ipotizza, addirittura, la nomina di un “Dirigente mobility” per trovare soluzioni adeguate (senza rotatorie) e cercare poi di farle rispettare davvero.



In fretta, però. Per non correre il rischio di dover parlare più che di UN PARCHEGGIO ALL’OSPEDALE di UN OSPEDALE NEL PARCHEGGIO… che sarebbe un paradosso, quello sì davvero “unico” !







Questa è una vignetta pubblicata il 06-02-2011 alle 16:00 sul giornale del 07 febbraio 2011 - 2576 letture

In questo articolo si parla di attualità, ospedale, Giorgio Panaroni, vignetta

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/g6F


massimo ceresani



La soluzione per l'aggressione automobilistica dell'ospedale spetterà alla Direzione sanitaria, ma la situazione attuale lega bene col resto della città strozzata da molti anni da una politica PER l'auto. Il provvedimento della zona rossa è un pannicello caldo dettato dalla Regione e Aguzzi coi suoi ultimi consigli scopre l'acqua calda, dato che quei concetti li avevano caldeggiati i Verdi locali (che nessuno ha più votato)da ben 20 anni prima. Comunque: ben arrivato Sindaco!

- E nei bar si vanno accendendo discussioni e qualche scommessa. Il quesito è: - "Ci sono più macchine al Santa Croce o ne girano di più per il Corso cittadino?". Ovviamente rispondere "in autostrada" non vale...
(G.P.)

Dialogo colto sui viali dell’ospedale di una coppia di anziani:
“Signor en se po’ più manch caminà, sa tut ste machin”
“sta bona hanno nominato un “mobilti manager” o cun se dic”
“madona mia en faran na rotatoria anche ma chì”.

Mi ha indotto riflettere, ricordo quando “i degenti” (oggi clienti) potevano passare qualche minuto di aria buona, come i carcerati. Fuori c’erano i cartelli “ZONA DI SILENZIO –OSPEDALE-”.
Oggi oltre allo smog che si respirerebbe c’è proprio il rischio di essere investiti.

botte e moglie

Un ospedale in pieno centro cittadino,
ma con un ampio parco verde circostante,
dove non si senta il rumore delle auto,
ma possa essere raggiunto a piedi dagli anziani del centro,
magari moderno e tecnologicamente avanzato,
però con un rassicurante aspetto antico dei primi del '900,...

la botte...
...e la moglie