Dopo quattro anni torna l'attesissimo Jazz club

jazz 2' di lettura Fano 26/11/2010 -

Torna a Fano l’attesissimo Jazz Club. Dopo quattro anni di sospensione, ma soprattutto dopo i 13 anni di ininterrotta programmazione alle spalle, riprende infatti il suo cammino una rassegna musicale il cui ricordo è ancora vivo nella mente e nel cuore dei tanti appassionati che in passato l’hanno seguita e di tutti coloro - musicisti e organizzatori - che l’hanno animata e resa possibile. Sono infatti ancora in molti a ricordare i primi concerti a Fano di Stefano Bollani, non ancora diventata la stella che è oggi ma già allora vulcanico talento.



E poi quelli di Gianluca Petrella, Fabrizio Bosso, Flavio Boltro, Roberto Gatto, Danilo Rea, Francesco Bearzatti, degli Aires Tango e di molti altri. Nomi che individualmente riflettono altrettante visioni artistiche e che nell’insieme rappresentano uno spaccato altamente significativo del vivace panorama jazzistico italiano degli ultimi decenni. Ma il merito maggiore del Jazz Club di Fano rimane quello di aver gettato il seme grazie al quale il jazz è diventato uno dei frutti più maturi della vita culturale di Fano, e di tutto il territorio provinciale, contribuendo alla crescita – sia sotto il profilo quantitativo che qualitativo – di un pubblico capace di recepire e far propri gli stimoli provenienti dal palcoscenico. Attorno a tutti questi presupposti continuerà a ruotare l’attività del Jazz Club, la cui nuova, prestigiosa sede sarà il “Pala J” Porto Turistico Marina dei Cesari, che già da alcuni anni ospita il “Jazz Village” del festival Fano Jazz By The Sea. Primo a scendere in campo sarà, venerdì 3 dicembre, il trombettista campano Luca Aquino, vincitore come miglior nuovo talento del referendum “Top Jazz 2010” del mensile Musica Jazz.

Aquino sarà alla guida del Quartetto Depistaggio, gruppo che trae la propria linfa vitale dall’incontro fra il linguaggio del jazz e altre musiche: nell’occasione il quartetto - che comprende oltre a leader Pasquale Pedicini alle tastiere, Daniele Sorrentino al basso e Aldo Galasso alla batteria, renderà omaggio a una delle icone del rock, i Led Zeppelin. Musicista aperto a recepire influssi diversi è anche il pianista umbro Giovanni Guidi, ospite della serata di venerdì 10 dicembre assieme ai sassofonisti Francesco Bigoni e Dan Kinzelman, al contrabbassista Francesco Ponticelli e al batterista Amedeo Sciommeri. Venerdì 17 dicembre, questa prima parte della programmazione del Jazz Club verrà chiusa dal Continuos Wave Quartet, formazione che percorre con convinzione la strada maestra del jazz e che annovera uno dei migliori sassofonisti italiani delle ultime generazioni, Daniele Tittarelli. Alle sue spalle ci saranno il pianista Pietro Lussu, il contrabbassista Marco Loddo e il batterista Marco Valeri. Tutti i concerti del Jazz Club avranno inizio alle ore 21,30.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 26-11-2010 alle 18:26 sul giornale del 27 novembre 2010 - 457 letture

All'articolo è associato un evento

In questo articolo si parla di jazz, fano, spettacoli, Fano Jazz by the sea, fano jazz

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/eQq





logoEV