Sassonia sud: la protesta scende in piazza, il Comitato davanti alla Regione

2' di lettura Fano 02/11/2010 -

Abbiamo atteso ad emanare questo comunicato stampa sperando che da parte delle Istituzioni ci fosse una dura condanna riguardo le ridicole cifre che la Regione Marche ha messo a disposizione per la difesa della costa su Fano.



Così non è stato, ne il Comune di Fano, né la Provincia di Pesaro Urbino, hanno condannato questo piano investimenti della Regione Marche, che offende profondamente l’intera Città Fanese. Eppure i Politici di queste Amministrazioni hanno avuto migliaia di voti dai nostri Concittadini e devono rappresentarli in maniera adeguata, ma in questo caso sono colpevolmente assenti.

Il sottoscritto è stato l’unico che si è permesso di denunciare il caso con forza è per questo sono stato oggetto di critiche severe, soprattutto da parte dell’Amministrazione Comunale. Il Comune di Fano si è dimostrato concreto ed affidabile, mettendo a bilancio, quindi disponibili, i finanziamenti per gli interventi che sono di sua competenza e per questo lo ringraziamo, quello che da sempre contestiamo e che, secondo noi, riguardo quest’emergenza ha una scarsa attenzione e una pessima gestione, ma questa è un’altra storia.

Abbiamo nuovamente chiesto l’intervento del Prefetto, ma il Capo di Gabinetto della Prefettura, il Dottor Clemente Di Nuzzo, ha dichiarato che al momento la Prefettura non può intervenire. Riguardo appunto l’emergenza erosione marina su Sassonia se il Presidente Gian Mario Spacca e la sua Giunta Regionale credono che la storia sia finita così si sbaglia di grosso. Quanto successo configura l’inizio di una battaglia feroce, senza nessun tipo di sconto. Per prima cosa Martedì 9 Novembre abbiamo organizzato un sit-in di protesta in Regione ad Ancona ed invaderemo con una delegazione di Cittadini la sala del Consiglio Regionale.

Partiremo da Fano alle ore 8 per iniziare la protesta nell’orario di inizio dei lavori del Consiglio alle ore 10 circa, naturalmente nella sede del Consiglio in Via Gentile da Fabriano. Abbiamo richiesto anche la presenza dei bagnini perché le scogliere a Fano non sono necessarie solo a Sassonia sud, e riteniamo che questa battaglia vada condivisa per tutto il nostro litorale. L’Assessore Cucuzza e il Presidente Santorelli avevano chiesto collaborazione da parte mia e del Comitato, bene allora collaboriamo insieme e chiedo ufficialmente la loro presenza nella delegazione di Cittadini che si recherà in Regione Martedì 9 Novembre.

Ma questo è solo il primo passo: se questa protesta non dovesse sortire risultati siamo pronti a gesti molto più eclatanti, come l’occupazione dei binari del treno o del casello dell’autostrada. Per quanto riguarda la visita che il Presidente Gian Mario Spacca intende fare al Consiglio Comunale, dedicato all’ospedale unico, vorrei dirgli che lo stiamo aspettando a braccia aperte.








Questo è un comunicato stampa pubblicato il 02-11-2010 alle 14:51 sul giornale del 03 novembre 2010 - 615 letture

In questo articolo si parla di attualità, fano, comitato sassonia sud

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/dXx