Ma quanto costa difendere la costa?

1' di lettura Fano 02/11/2010 -

A Fano, stando alla ripartizione dei fondi da parte della Regione, la difesa della nostra costa se non è da fare “a gratis” poco ci manca.



Anche per protestare contro questa “divisione”, per martedì 9 novembre è previsto un sit-in in Regione da parte del Comitato di Sassonia Sud, con la interessante particolarità del richiesto coinvolgimento dei “bagnini”: i Concessionari di spiagge si rendono conto che le rivendicazioni dei Comitati dei cittadini per la difesa della costa e delle spiagge toccano anche loro.

Sono ormai lontani i tempi in cui le “spiagge libere” venivano viste in contrapposizione agli interessi di quelle in concessione (la medaglia di circostanza “mal comune” è del 2006). E sono ormai tante “le voci” che si alzano per ricordare quanto Comitati e Associazioni vanno dicendo da anni per la difesa delle coste e non solo: e’ recentissimo quanto ricordato in merito al “rischio idrogeologico” dallo stesso Ordine dei geologi delle Marche, ampiamente riportato anche dalla stampa locale.








Questo è un comunicato stampa pubblicato il 02-11-2010 alle 15:43 sul giornale del 03 novembre 2010 - 1649 letture

In questo articolo si parla di attualità, Giorgio Panaroni

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/dXF


Quella di mettere sempre uno contro l'altro è una tecnica per prendere tempo. Ma Pana non demorde sono anni che batte e ribatte ... chi la dura la vince!




logoEV