Multe allo stadio: Schiaroli, 'Oltra alla delusione, la beffa'

multa 2' di lettura Fano 24/05/2010 - Per decine di tifosi fanesi alla delusione per la sconfitta dell’Alma Juventus si è aggiunta la beffa di una multa da 36 euro per divieto di sosta trovata al termine della partita nei pressi dello stadio in particolare in via Lelli e traverse.

Non contestiamo la legittimità quanto l’assoluta mancanza di buon senso considerato che per tutta la settimana i mass media avevano parlato dei troppi avvenimenti concomitanti che avrebbero creato gravi difficoltà nel traffico e nei parcheggi per cui ci sarebbe stata una forte mobilitazione di vigili e forze dell’ordine.

A nostro giudizio sarebbe stato molto più logico prevenire piuttosto che reprimere considerato che le multe sono state fatte a ridosso dello stadio, dov’erano i vigili prima della partita? Si colpiscono infrazioni minori e nell’occasione dovute ad avvenimenti eccezionali per far cassa mentre in situazioni più gravi nessuno interviene come al semaforo del vicino incrocio degli ex capannoni dove le macchine continuano a passare con il rosso mettendo in pericolo i pedoni. Ciò è accaduto anche in presenza di ben 4 vigili prima del passaggio del giro d’Ialia e nonostante le nostre rimostranze non è stata fatta alcuna contestazione. Evidentemente è più facile colpire gli automobilisti in loro assenza che in presenza di gravi infrazioni, così si fanno anche più multe.

In proposito non vogliamo essere profeti di sventura ma abbiamo già segnalato i pericoli derivanti dall’irrazionale collocazione del semaforo al termine di una rotatoria in cui gli automobilisti non fanno in tempo a vedere il rosso. Vari pedoni ci hanno segnalato il rischio di essere travolti. Le multe allo stadio si potevano davvero evitare e intervenire piuttosto nelle situazioni di reale pericolo.

da Sergio Schiaroli
Presidente Federconsumatori Pesaro-Urbino




Questo è un comunicato stampa pubblicato il 24-05-2010 alle 00:56 sul giornale del 24 maggio 2010 - 681 letture

In questo articolo si parla di multe, Federconsumatori, Sergio Schiaroli