Cucuzza su buche in strada: abbiamo le mani legate

1' di lettura Fano 14/05/2010 - L’Assessore ai lavori pubblici replica alle critiche di chi individua nel patto di stabilità una scusa usata dagli amministratori per non intervenire sulle strade usurate. “Non rispettare il patto comporterebbe gravi conseguenze” dichiara l'Assessore Cucuzza che annuncia “stiamo studiando modi alternati per poter continuare il nostro lavoro”.

Risponde alla accuse di quanti, esponenti dell’opposizione e cittadini, avevano puntato il dito sull'operato dell'amministrazione per lo stato pietoso in cui versano molte strade comunali in periferia e nel centro della città.


Sono cosciente e soffro in prima persona nel non riuscire a dare risposte concrete ai cittadini che mi pongono giustissime questioni. Il mio piano triennale di asfaltatura è pronto, lo presenterò presto in giunta. Il problema sono i fondi: il patto di stabilità non ci permette di intervenire subito” dichiara l’Assessore Cucuzza che invita soprattutto l’opposizione a fare proposte costruttive. "Va detto che evadere il patto" spiega l'Assessore"significherebbe fermare ogni assunzione e metterebbe in pericolo anche i servizi essenziali forniti dal Comune".


Dopo la recente banca rotta in Grecia” interviene il Direttore Generale del Comune De Leoquello che si prospetta è invece un irrigidimento dei meccanismi regolativi del patto. Per questo siamo tutti impegnati a trovare soluzioni alternative che ci permettano di trovare le risorse necessarie ad investire”.






Questo è un articolo pubblicato il 14-05-2010 alle 11:31 sul giornale del 15 maggio 2010 - 1495 letture

In questo articolo si parla di fano, politica, Elena Serrano, maria antonia cucuzza, giovanni de leo



<br />
Mani legate:<br />
per non far danni irreversibili provate a legare le mani anche per l'asfaltatura dei 3 ettari e mezzo della pista aeroportuale....<br />
Date tante altre priorità!