Spiagge in blu, la soddisfazione di Matteo Ricci

matteo ricci Fano 11/05/2010 - "E’ un riconoscimento importante che testimonia la qualità ambientale del nostro territorio". Così il presidente Matteo Ricci commenta la classifica della Federazione per l’educazione ambientale, che ha assegnato 4 bandiere blu alle spiagge della provincia (Pesaro, Gabicce, Fano e Mondolfo).

"La strategia per lo sviluppo turistico che abbiamo avviato – continua Ricci – è incentrata proprio sull’abbinamento tra costa e aree interne.

Vogliamo incentivare la ricettività e l’offerta di tutto il comparto, con una serie di azioni integrate e con il coinvolgimento di soggetti pubblici e privati all’interno del sistema turistico locale. Ci crediamo perché abbiamo un potenziale notevole. Che è dimostrato da indici qualitativi come questo".






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 11-05-2010 alle 17:44 sul giornale del 12 maggio 2010 - 1870 letture

In questo articolo si parla di attualità, fano, mondolfo, pesaro, mare, matteo ricci, Provincia di Pesaro ed Urbino, gabicce, spiggia


... Ma lei, Presidente, che esaulta ed osanna, ha mai sentito parlare di SPIAGGE LIBERE: accessi, pulizia, igiene, sicurezza, bagnini di salvataggio... e lo sa che sono migliaia i cittadini che frequentano (per mancanza di soldi o per scelta diversamente motivata) gli arenili ancora non in concessione?<br />
Non crede che sarebbe il caso di fare qualche cosa ANCHE per queste spiagge, con o senza bandiera blù?<br />
Sarebbe il caso di dare una risposta, non a me, ma a tutti i cittadini, compresi quelli che dall'entroterra, venendo al mare, avrebbero il diritto, sempre meno salvaguardato come invece si dovrebbe, di trovare un po' di spazio in una spiaggia libera sì, ma egualmente, decentemente custodita? O vogliamo privatizzare proprio tutto, anche il pesce azzurro?<br />
Giorgio Panaroni<br />
(ospitato da Metauro)

Sig presidente,<br />
mi dica cosa si è fatto per “incentivare la ricettività nella nostra provincia” per meritarci la bandiera blu. Mancano gli accessi alle spiagge, mancano di servizi igienici con le conseguenze del caso. Fano-Pesaro è tutto un parcheggio selvaggio, fino ad ostruire la Nazionale.<br />
Un impiegato od una commessa che vuole approfittare della pausa pranzo per prendere l’abbronzatura, secondo Lei, può permettersi di affittare un ombrellone. <br />
L’ho ascoltata nell’incontro “LE MARCHE RINNOVABILI” belle parole, ma allora non dobbiamo vergognarci, che nella canicola d’agosto, si debba ricorrere al metano per scaldare l’acqua per la doccia? E non vado oltre, ma ci sarà una ragione se gli stranieri non vengono più.<br />

Dimenticavo. Perché spendere soldi su un’opera che rimarrà incompiuta come la ciclabile FanoFossosejore? Interrotta fino allo spostamento della Nazionale. Pertanto dovendo ad un certo punto ritornare sulla sede stradale chi si azzarderà intraprendere il viaggio?