Fano Fortunae sulla stazione: 'Deve essere riqualificata'

stazione di fano 3' di lettura Fano 06/05/2010 - La stazione ferroviaria di Fano deve essere riqualificata e resa agibile a tutti i cittadini sia fanesi e non in tempi brevi, senza alcun limite o problema di sorta.

Dopo la penalizzazione per la soppressione dei treni, del ridimensionamento delle fermate, non è più possibile accettare quanto accade quasi tutte le sere e in particolare quanto segnalato da un’insegnante di MAROTTA e del Signor LUIGI residente in un paesino delle vicinanze di FANO alle ore 24.00 del 28 Aprile 2010.

Le due persone aspettavano un treno proveniente da Bologna (coincidenza da Torino) che è arrivato a FANO con 180 minuti di ritardo a causa di un problema al locomotore, senza alcun avviso sul video o dell’audio da parte delle Ferrovie, l’insegnante diretta a Marotta, il Signor LUIGI in attesa della moglie e della Figlia provenienti da Torino. Alle ore 24.00, il vigilante responsabile della chiusura della Stazione, rispettando le consegne, ha comunicato alle 5 persone (2 Italiani/3 extracomunitari) che stazionavano nella sala d’attesa, in attesa dell’arrivo del treno, nonostante che gli stessi avessero evidenziato il problema del grosso ritardo, la scarsa sicurezza dell’ambiente a quell’ora, la comunicazione del Signor Luigi che era affetto da sintomi febbrili, di dover lasciare la sala.

Il sorvegliante non ha voluto sentire ragioni e ha chiamato i Carabinieri, puntualmente giunti sul posto nel giro di 15 minuti e spiegati anche a loro i motivi del non rispetto dell’invito di lasciare la sala, questi con in buona evidenza quanto in dotazione, rispondevano con parole accademiche del rispetto degli orari previsti , di non poter far niente per il ritardo del treno, dei 15 gradi esterni che permettevano di aspettare all’esterno, di fare reclamo al Ministero e alle Ferrovie anche se privatizzate, provvedevano all’identificazione dei presenti, invitandoli quindi ad uscire verso i binari. La cosa più sconcertante che nella sala di attesa non vi è posto alcun avviso che la stessa viene chiusa alle ore 24.00 mettendo in difficoltà le persone che non ne sono informate.

Il Signor LUIGI inoltre, denuncia lo stato del degrado civile verso cui si sta avviando il nostro Paese e il suo disappunto per l’insensibilità dimostrata delle Forze dell’ordine a questi fatti quotidiani ed alle emergenze reclamati dai cittadini più deboli. Invito pertanto la Regione, la Provincia, l’Amministrazione Comunale a trovare in tempi brevi una soluzione al problema con le Ferrovie dello Stato.





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 06-05-2010 alle 17:21 sul giornale del 07 maggio 2010 - 1772 letture

In questo articolo si parla di attualità, politica, stazione fano, Lista civica Fanum Fortunae


Certo la nostra porta di arrivo "LA STAZIONE" non da una bella impressione al forestiero e turista. Dire degrado è poco. Cosa si può pensare vedendo le due biglietterie scassinate (da tempo)ed assicurate con una grossa catena in ferro? Quale spirito di vacanza tranquilla può dare tale immagine? Si può solo pensare che questa è terra di vandali e scassinatori.<br />
Dove sono le promesse di TRENI-TAGLIA, dopo il consistente aumento dei biglietti??

La stazione? Sempre aperta, illuminata e frequentata. Insomma "viva": è anche il miglior modo per renderla quanto più sicura possibile. Le cattedrali nel deserto chiamano non vita ma degrado.<br />
Con un po' di buona volontà da parte di tutti si può fare.<br />
<br />
(Fra' Ginepro ospitato da Metauro)