Magnanelli: 'Cala il sipario sul tribunale di Fano'

tribunale fano Fano 04/05/2010 - Sono passati tre mesi dal mio precedente comunicato agli organi di stampa e di informazione e sul problema della Sezione distaccata del Tribunale di Fano è nuovamente calato il sipario.

Al mio intervento del 04/02/2010 il Sindaco di Fano, evitando con cura ogni comunicazione diretta con il sottoscritto, aveva dichiarato attraverso giornali, radio e TV: a)che il Comune non avrebbe preso in considerazione l’offerta della KAIROS S.r.l. che prevedeva il trasferimento del Tribunale nell’ala già di proprietà delle Maestre Pie Venerine; b)che stava lavorando “in sordina”, “senza pubblicità e clamore” ad una soluzione alternativa. Al riguardo il Sindaco, pur con il necessario riserbo (a suo dire), precisava che si trattava di un fabbricato nuovo, di proprietà comunale, per una superficie di 3.000 metri quadrati, idoneo ad ospitare, oltre al Tribunale, anche l’Archivio di Stato e gli uffici del Giudice di Pace.

Pochi giorni dopo si è riparlato del Tribunale in occasione dell’ormai famosa variante riguardante l’area dell’ex zuccherificio. Quindi del problema se ne sono perse le tracce. In considerazione di quanto sopra, credo a questo punto che sia doveroso chiedere e legittimo pretendere che il Sindaco dica alla città, ai suoi abitanti ed agli operatori tutti, in maniera chiara ed esplicita, quale è la “soluzione alternativa” cui si riferiva nelle interviste rilasciate il 6 febbraio 2010. Una risposta sollecita ed esaustiva alla domanda di cui sopra rappresenterebbe peraltro un auspicabile contributo al primario dovere di trasparenza nella gestione della cosa pubblica.

da Franco Magnanelli
Coordinatore dell’Osservatorio della Giustizia di Fano
e Consigliere dell’Ordine degli Avvocati di Pesaro




Questo è un comunicato stampa pubblicato il 04-05-2010 alle 13:15 sul giornale del 05 maggio 2010 - 524 letture

In questo articolo si parla di attualità, fano, pesaro, Franco Magnanelli, Osservatorio della Giustizia, Ordine degli Avvocati