Comitato per la difesa delle valli: 'Continua la battaglia contro le nocività'

comitati in rete Fano 04/05/2010 - Il Coordinamento ha denunciato la pratica recentemente adottata anche da Anas nella nostra Provincia, dell’irrorazione dei bordi stradali con erbicida a base di Glyphosate, la cui nocività per paesaggio, ambiente e salute di persone e animali è stata dimostrata.

Vedi anche relazione del prof. Taffetani (Un. Politecnica delle Marche) su http://www.comitatinrete.it che spiega come l’uso di tale prodotto, seppure dichiarato da Anas “a norma di legge”, è comunque dannoso e controproducente.

Sia le norme regionali sull’uso di fitofarmaci (LR 25/1988) che le Ordinanze emesse a livello comunale per evitare contaminazione da antiparassitari nei centri abitati (ad esempio quella emessa dal comune di Barchi, n. 1/2009), segnalano fortunatamente una sempre più virtuosa applicazione del principio di precauzione nell’uso di sostanze che, a parità di costi, arrecano sempre danni collaterali spesso molto più gravi di quelli che vantano di evitare.

Per questo il Coordinamento chiede in questi giorni, con una lettera inviata ai Sindaci: “... di informare la popolazione sugli attuali metodi di prevenzione e lotta alla zanzara tigre nei Comuni, e nella fattispecie di rendere noto:

-se la prevenzione viene effettuata con informazione puntuale e diffusa circa la necessità di bonifica dei luoghi da zone di ristagno di acqua (canali di scolo, pozzetti, tombini occlusi, laghetti, piscine, riserve idriche ecc.), e comprende anche controlli e sanzioni per chi non osserva le norme di prevenzione

-se questa viene condotta con metodi biologici, ovvero tramite apposizione di Ovi-trappole per questa specie infestante, con l’uso di batteri anti-larva, di Gambusie, e l’incentivazione della presenza di Chirotteri nelle aree maggiormente infestate

-se il Comune ha appaltato a ditte la nebulizzazione di prodotti chimici insetticidi e se sì, se è in possesso della scheda tecnica del prodotto e ha informato i cittadini di questa, se controlla quantità irrorate e conformità della pratica di irrorazione alle norme di legge.

Tenendo in considerazione che in molte città d’Italia si sono verificati disagi rispetto alla diffusione di prodotti chimici detti “a bassa tossicità” ma in realtà non solo nocivi per l’ambiente e per gli insetti utili, quali le api, ma anche per la popolazione.

Considerando che spesso tali prodotti poi non solo abbattono la popolazione adulta di zanzara tigre ma ne rendono le generazioni più resistenti.

Il Coordinamento chiede che le Amministrazioni coinvolgano la cittadinanza e i poli scientifici competenti nell’ elaborazione di criteri di prevenzione e lotta alla zanzara tigre che coniughino in misura più ragionata l’efficacia con l’abbandono dell’uso di prodotti chimici ed il passaggio a quelli biologici.





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 04-05-2010 alle 15:39 sul giornale del 05 maggio 2010 - 411 letture

In questo articolo si parla di attualità, Coordinamento dei comitati per la difesa delle valli del Metauro