Una commissione di indagine sul’ex segretario generale Giorgio Cigna

bene comune Fano Fano 09/04/2010 - I consiglieri comunali di Bene Comune, hanno presentato un'interrogazione sulla commissione di indagine per le dichiarazioni dell’ex Segretario Generale del Comune di Fano dott. Giorgio Cigna.

I sottoscritti consiglieri comunali, premesso
che in data 20/11/2009, dunque quasi 5 mesi fa, tutti i consiglieri comunali di minoranza presentavano, ai sensi dell’art. 24 del Regolamento del Consiglio Comunale, la proposta di istituzione di una commissione speciale di indagine sulle gravissime dichiarazioni dell’ex segretario generale del Comune di Fano dott. Giorgio Cigna;
-che inspiegabilmente, in evidente violazione del Regolamento del Consiglio Comunale, solamente in data 25/2/2010 prot. N. 12915, dunque più di 3 mesi dopo, giungeva una lettera del Presidente del Consiglio comunale, vistata dal segretario generale;

-che detta lettera si sofferma a lungo esclusivamente sulla questione del diritto del Sindaco di scegliersi liberamente il segretario comunale, questione mai posta in discussione dai consiglieri comunali di minoranza nella loro richiesta di istituzione della commissione d’indagine;
-che il comma 2 dell’art. 44 del DLgs 267/2000 recita testualmente: “Il consiglio comunale o provinciale, a maggioranza assoluta dei propri membri, può istituire al proprio interno commissioni di indagine sull'attività dell'amministrazione”. Analoga formulazione è riportata al comma 1 dell’art. 24 del Regolamento del Consiglio Comunale. Proprio sull’attività dell’amministrazione comunale, e non su altro, è rivolta la richiesta di istituzione di una commissione d’indagine al fine di chiarire le affermazioni del dott. Cigna che ha detto “Sono arrivato ad arrampicarmi sugli specchi sul piano legale per giustificare certi atti comunali”;

-che dunque a tutt’oggi, dopo quasi 5 mesi, la proposta di commissione speciale di indagine non è ancora giunta in Consiglio comunale;

interroga il Sindaco per conoscere
se ritiene accettabile quanto avvenuto;
se a dimostrazione della sua reale volontà di trasparenza non ritiene di intervenire subito per far giungere in pochi giorni, in consiglio comunale, la proposta di istituzione della suddetta commissione speciale di indagine.





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 09-04-2010 alle 16:54 sul giornale del 10 aprile 2010 - 1925 letture

In questo articolo si parla di politica, comune di fano, bene comune