Rapa: 'Fano e Marotta non sono territori di serie B, la politica se ne ricordi'

riviera fano Fano 02/04/2010 - Come di consuetudine,quando siamo alle porte della stagione estiva si torna a parlare di turismo.
Le considerazioni esposte dal Sig. Hadar Omiccioli , possono essere considerate in linea di massima corrette, ma come SEMPRE accade, quasi tutti considerano Torrette e Marotta territori da serie B, tanto da dimenticarsene. 

Il fatto è ancor più spiacevole quando sono rappresentanti di movimenti politici a dimenticarsi dei territori a sud del Metauro. Il territorio di competenza comunale non finisce al ponte Metauro, ma anzi, Turisticamente parlando, continua prevalentemente a sud, dove peraltro si registrano 2/3 delle presenze turistiche.


Ma viene dimenticato costantemente. Se si parla di turismo a Fano e delle sue problematiche, occorre fare una analisi completa di tutto il territorio, da fosso Sejore alla foce del Cesano e non per comparti. Invito Il Sig. Omiccioli, a fare un giro anche a Metaurilia, Torrette e Marotta e poi a esprimere le sue considerazioni ed anche i suoi suggerimenti, che ritengo interessanti e validi. Purtroppo questa è la dimostrazione di come spesso si affronti troppo superficialmente l’argomento Turismo nel nostro territorio.


Personalmente sono anni che ripeto che serve una lungimirante Politica di sviluppo turistico di TUTTO il territorio, anche perché il turismo è divenuto da diverso tempo una scienza economica ben precisa e non è più ammissibile affidarsi all’ improvvisazione come si è fatto fino ad ora. Occorre una programmazione a lungo termine che operi a 360 gradi partendo dall’accoglienza con eventi e manifestazioni di forte richiamo su tutto il territorio ad una incisiva promozione, con studi ed esperti di marketing turistico, fino alla realizzazione delle infrastrutture necessarie per rendere interessante il territorio e renderlo più consono ad un territorio a vocazione turistica.


Necessitiamo non solo di un miglioramento dell’arredo urbano, ma anche di barriere fonoassorbenti, piste ciclabili, marciapiedi, parcheggi, per non parlare di Parchi tematici, centri congressi ed impianti sportivi adeguati, un piano di salvaguardia della costa, trasporti e chi più ne ha più ne metta. Un territorio in primis deve essere accogliente e curato per i propri cittadini e di conseguenza lo diventa anche per i nostri Ospiti.


Il turismo è a mio avviso, l’unico settore che in questo particolare momento di difficoltà, possa fungere da volano per il rilancio dell’intera economia territoriale, ma necessita di un aggressivo e urgente piano di sviluppo e ingenti risorse economiche, ma soprattutto deve essere sempre e solo considerato per tutto il suo territorio, Torrette e Marotta comprese. Non me ne voglia il Sig. Omiccioli, che stimo per il suo impegno, per le considerazioni esposte, ma essendo per me il Turismo, più che ambito lavorativo, una grande passione, alcune precisazioni erano dovute.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 02-04-2010 alle 13:03 sul giornale del 03 aprile 2010 - 701 letture

In questo articolo si parla di Boris Rapa





logoEV