Tanti i progetti proposti dall'istituto d'arte Apolloni

istituto apolloni 5' di lettura Fano 31/03/2010 - Anche quest’anno l’Istituto d’Arte “A. Apolloni” ha realizzato una serie di iniziative che hanno offerto agli studenti opportunità diverse, che, in alcuni casi, hanno permesso loro di essere non solo ascoltatori, ma anche protagonisti di attività formative e al contempo coinvolgenti.

L’anno scolastico non è ancora concluso e sono previsti altri momenti importanti al termine di progetti il cui svolgimento è durato dei mesi, come la realizzazione di un cortometraggio, o l’appuntamento con partners stranieri nell’ambito del progetto “Comenius”. Venerdì 26 marzo so è svolto il secondo incontro nell’ambito del progetto, giunto alla sua terza edizione, intitolato “Escursioni nell’arte e nella letteratura contemporanee” in collaborazione con l’Associazione Culturale l’Arco. Questo secondo appuntamento ha visto un’escursione nel campo del cinema: sarà ospite dell’Istituto d’Arte il regista di cortometraggi Andrea Lodovichetti, il cui successo ha superato i confini italiani ed è approdato negli Stati Uniti con il premio Golden Globe 2009.


PROGETTO “ESCURSIONI NELL’ARTE E NELLA LETTERATURA CONTEMPORANEE”

Mercoledì 20 gennaio 2010 presso l’Aula Magna dell’I.S.A. “A.Apolloni “ di Fano l’architetto G. Lamedica ha tenuto una lezione sul tema dell’architettura sacra dal titolo “Le chiese dopo il Concilio Vaticano II”, il primo degli appuntamenti previsti per l’anno scolastico in corso nell’ambito del progetto, che è giunto ormai alla sua terza edizione. Dopo una retrospettiva storica sulla tipologia delle chiese dalle origini fino al Concilio Vaticano II (1962/65) ed avere segnalato i grandi maestri di riferimento del ‘900, come W. Gropius, A. Aalto, Le Corbusier, G. Michelucci, l’architetto ha illustrato e commentato le sue opere: la Chiesa delle Benedettine del 1967, di San Marco del 1969, di Bellocchi del 1970, la Chiesa di Tavernelle del 1979 e la Chiesa di Santa Maria di Calmazzo del 1980 e quella della Santa Famiglia a Fano. G. Lamedica ha diritto ad una collocazione particolare nella storia dell’ architettura del nostro territorio e sicuramente anche nazionale: accanto ad edifici privati ha costruito ben dieci chiese, fatto del tutto straordinario, come lui stesso ha affermato. Con eleganza e semplicità l’architetto Lamedica ha raccontato la sua esperienza di professionista e ha trasmesso i principi e i criteri che accompagnano la sua attività; la sua presenza è stata per gli alunni dell’istituto “Apolloni” una preziosa occasione di apprendimento e di arricchimento.


PROGETTO ILLUMINOTECNICA QUANDO L’AZIENDA ENTRA A SCUOLA

L’Istituto Statale d’Arte “A. Apolloni” , sezione Architettura ed arredamento, ha attivato, per il secondo anno consecutivo, un minicorso di illuminotecnica destinato agli allievi delle quarte e quinte classi, per potenziare le conoscenze e le competenze relative alla progettazione. Gli argomenti affrontati sono stati scelti in funzione delle tematiche trattate dai singoli docenti e nello specifico spiegando i sistemi di illuminazione di nuova generazione e il concetto di illuminazione integrata. Particolare attenzione è stata posta su tematiche quali l’inquinamento luminoso, il risparmio energetico e le fonti alternative energetiche. Ha tenuto le lezioni il sig. Treviglio della PiQuadro Luce che, non solo si è prestato a trasmettere, tramite lezione mirate, le sue competenze, ma si è reso disponibile a discutere e verificare i singoli progetti degli allievi.


UNA PERFORMANCE PER RICORDARE LA SHOA

Il 27 gennaio, Giorno della Memoria, l’I.S.A. “A. Apolloni ” ha voluto ricordare la Shoa con una performance tenuta presso l’Aula magna dell’istituto. L’intervento è stato preparato dal prof. Giovanni Ferri che ha elaborato un video relativo alla deportazione nei campi di concentramento nazisti e al sacrificio degli ebrei e ha ottenuto la partecipazione amichevole dell’attore Claudio Tombini. La breve perfomance è stata costruita combinando la proiezione di immagini con la recitazione: mentre le immagini scorrevano, l’attore leggeva, interpretando, alcune pagine del diario di un ragazzo ebreo lituano di sedici anni, Ytskhok Rudashevski. La rappresentazione intima , ma toccante, ha emozionato il pubblico degli ascoltatori. Gli studenti e i loro docenti hanno dunque molto apprezzato questo atto commemorativo, privo di retorica, ma incisivo e che ha voluto, nel profondo rispetto dell’Olocausto , catturare per un momento le coscienze e la memoria per non dimenticare.


GLI ABITI PER L’ELEZIONE DELLA REGINETTA DEL CARNEVALE DI FANO

Sono riusciti nell’impresa gli alunni dell’Istituto d’Arte di Fano: in poche settimane hanno realizzato costumi per la decima edizione della “Reginetta del Carnevale ”, svoltasi all’Alberone di Cartoceto. Sotto la direzione del professor Cassoni alcuni studenti della 3 A, 4 A e 5 A Michelangelo hanno progettato gli abiti , ispirati ai sette vizi capitali e ad alcune figure mitologiche, e li hanno realizzati con materiali diversi, dando vita a vere e proprie creazioni. I costumi, esposti in alcuni negozi del centro di Fano, quindi indossati dalle ragazze, aspiranti al titolo di “Reginetta”, hanno riscosso un notevole successo.


NONTISCORDARDIME Giornata di Legambiente – Operazione scuole pulite

All’ “Apolloni” sabato 13 marzo gli studenti delle classi 2 A , 3 A, 4 A Michelangelo hanno aderito all’iniziativa promossa da Legambiente e si sono organizzati per fare piccoli interventi di manutenzione e pulizia di alcuni ambienti. Armati di secchi, spolverini, stracci, scoponi, pennelli e vernice hanno rifatto in parte il make up all’Istituto d’Arte. Così i battenti del portone d’ingresso hanno “perso” la ruggine, dopo essere passati sotto la fiamma ossidrica, un paio di statue (calchi dell’ “Arringatore” e della statua della Fortuna), hanno ritrovato il loro candore, un’antica porta è tornata come nuova, e tante altre opere, testimonianza della creatività degli alunni dell’ “Apolloni”, hanno riguadagnato tono, e per finire la scuola è stata ornata da un dono floreale del vivaio Fanoflor di Fano. La giornata è stata per gli studenti un’ottima esperienza che ha stimolato il loro senso di responsabilità e di appartenenza alla comunità scolastica.


da Istituto Statale d’Arte "A. Apolloni"




Questo è un comunicato stampa pubblicato il 31-03-2010 alle 15:47 sul giornale del 01 aprile 2010 - 1439 letture

In questo articolo si parla di scuola, attualità, fano, progetto, Istituto Statale d’Arte "A. Apolloni"