Confronto sui programmi: meno facce, più fatti

voto 2' di lettura Fano 15/03/2010 - Il Coordinamento dei comitati propone a tutti i cittadini la partecipazione a due momenti di spiegazione e confronto sui programmi elettorali dei candidati in lizza per queste elezioni regionali.

Martedì 16 marzo, alle ore 21, nella Sala consiliare del comune di Mondavio, il Comitato Valcesano sostenibile modererà il confronto tra i candidati: Maria Adele Berti, Elisabetta Foschi, Susanna Marcantognini, Adriano Mei, Marco Savelli. Sabato 20 marzo, alle 17, presso la delegazione civica di Calcinelli, il Comitato intercomunale per la difesa dell’ambiente e della salute di Barchi modererà il confronto tra i candidati: Elisabetta Foschi, Stefano Marchegiani, Adriano Mei, Marco Savelli. Il coordinamento dei comitati, come durante i trascorsi appuntamenti elettorali, pubblicherà sul proprio sito il documento preparato nel quale si espongono le richieste d’impegno ai candidati, e ivi renderà noti nome e riferimenti dei candidati che lo sottoscriveranno.


Già con la Carta dei principi il coordinamento, sottoscritta durante l’affollato incontro del 2 giugno 2009 da diversi candidati alle elezioni provinciali, aveva inteso rinnovare le modalità di confronto civile, per spingere i candidati verso un serio impegno di rappresentanza delle richieste dei cittadini e delle istanze presenti sul territorio. Il “documento con richiesta d’impegno” stilato quest’anno ricorda l’intenso lavoro svolto dai comitati per emendare la proposta di legge n. 367 sulla Verifica d’impatto ambientale, e le vertenze in atto sul territorio contro impianti progettati senza il rispetto dei principi di concertazione e precauzione e senza reale ricaduta di benefici occupazionali su tutto il territorio ma solo per assecondare l’intenzione dei gruppi industriali di lucrare sulla produzione di energia.


Questi incontri vogliono dare il senso di un interesse al confronto, di una capacità dei cittadini stessi di far rispettare precise regole di confronto lungi dalle bagarre dei talk show televisivi, di una assoluta necessità di rinnovamento della politica tesa verso la partecipazione e che rifugga da programmi elettorali vaghi, incerte promesse, strategie fumose, bizantine acrobazie verbali e d’immagine che sembrerebbero invece portare alla trasformazione totale della campagna elettorale nella vendita di un prodotto il cui contenuto è stato già deciso altrove.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 15-03-2010 alle 18:57 sul giornale del 16 marzo 2010 - 514 letture

In questo articolo si parla di attualità, elezioni, voto, Comitati in rete