Aato: Alighiero Omicioli è il nuovo presidente

2' di lettura Fano 18/02/2010 - E’ Alighiero Omicioli di Saltara il nuovo presidente dell’Aato (Autorità d’Ambito Territoriale Ottimale) di Pesaro e Urbino. E’ stato nominato dall’assemblea dei soci, costituita dai 60 comuni della provincia, riunita nella sala del consiglio comunale di Pesaro nella mattinata di mercoledì 17 febbraio 2010.

Nella stessa mattinata sono stati eletti, anche, i consiglieri d’amministrazione che affiancheranno Omicioli per i prossimi 5 anni: Francesco Cavalieri (comune di Fano -vice presidente), Matteo Ricci (presidente della Provincia di Pesaro e Urbino), Gabriele Giovannini (comunità montana di Urbania), Patrizio Catena (sindaco di Cagli), Claudio Olmeda (comune di Pesaro) Roberto Fiaschini (comune di Mondolfo), Massimo Guerra (Sant’Angelo in Vado), Claudio Ceregini (sindaco di Lunano), Olga Valeri (sindaco di Cartoceto), Alfonso Lattanti (sindaco di Montecopiolo). Riconfermato l’attuale direttore del consorzio Marco Toni. La seduta è stata aperta dal sindaco di Pesaro Luca Ceriscioli, in quanto primo cittadino del Comune capofila, che, appena avvenuta la nomina del nuovo presidente, ha passato ad Omicioli la guida dell’assemblea.


Il neo presidente, nel suo saluto ai sindaci, ha puntato l’attenzione sulla necessità di “riconsiderare le tariffe tra comuni costieri e comuni dell’entroterra in funzione del servizio erogato, ha ribadito l’opportunità di continuare il dialogo con le scuole, intrapreso dalla presidenza Minardi, per diffondere la cultura del risparmio idrico e ha ricordato l’impegno del Piano d’Ambito che prevede investimenti per circa 260 milioni di euro nei prossimi venti anni”. Già dai prossimi giorni, il presidente Omicioli avvierà i primi incontri con gli amministratori comunali per confrontarsi con loro sulle problematiche connesse al servizio idrico integrato e individuare le priorità attorno a cui si dovrà sviluppare il lavoro del nuovo Consiglio di Amministrazione.


Chiaro il messaggio inviato dal presidente Omicioli a tutti gli amministratori: “l’Aato è il braccio operativo dei Comuni, a servizio dei vostri cittadini e lavorerà insieme a tutti i soggetti coinvolti per tutelare una risorsa primaria come l’acqua e affermare il valore del controllo pubblico sulle gestioni”. Mentre il sindaco Ceriscioli, in apertura di seduta, si è soffermato sul ruolo strategico dell’Aato nel governo delle acque. “Soprattutto -ha commentato Ceriscioli- ora, che si parla di privatizzazione della risorsa idrica, assume grande importanza il ruolo di controllo e verifica degli investimenti e delle tariffe esercitato da Aato sui gestori del servizio idrico”.


da AATO
Autorità Ambito Territoriale Ottimale






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 18-02-2010 alle 16:15 sul giornale del 19 febbraio 2010 - 630 letture

In questo articolo si parla di attualità, aato





logoEV
logoEV