Sanità e servizi sociali, Prove di integrazione

2' di lettura Fano 14/02/2010 - Quale futuro attende l'ospedale di Fano? Qual è il rapporto tra sanità e servizi sociali sul territorio? Sul tema, tanto sentito e dibattuto, la fondazione Cloe ha promosso un incontro che si è svolto nella giornata di ieri al circolo ARCI di Bellocchi di Fano, al quale ha preso parte l'assessore regionale alla sanità Almerino Mezzolani.

Filo conduttore dell'incontro-dibattito è stata la necessità condivisa di istituire un confronto tra tutti i soggetti interessati per trovare le soluzini ottimali in grado di migliorare l'offerta sanitaria, anche attraverso la convocazione di un consiglio congiunto tra le città di Fano e Pesaro.

Tra le principali criticità evidenziate da Adriana Amello, responsabile del Tribunale dei diritti del malato, ed il direttore dell'Asur 3 Aldo Ricci, vi sono state le liste d'attesa e la mobilità passiva, problematiche non risolte nemmeno con l'assunzione di nuovi medici dipendenti e convenzionati né con l'aumento degli orari di ambulatorio.

“La nostra popolazione è la più anziana delle Marche -ha sostenuto Ricci- e questo porta la necessità di riorganizzare i servizi. Ci troviamo di fronte alla mancanza di una RSA per anziani, poiché quella di Mondavio risponde solo parzialmente alle esigenze. Inoltre dobbiamo continuare a far sì che Fano mantenga il suo modello positivo di integrazione del territorio, fungendo da polo sanitario per l'entroterra, e che esporti questo modello anche a Pesaro”.

All'incontro è intervenuto anche il Direttore del Dipartimento del Servizio Salute della Regione Marche Carmine Ruta, che ha sottolineato la necessità di passare dalla competizione tra Fano e Pesaro all'integrazione, per garantire maggiore efficienza ed efficacia delle strutture.

Vito Inserra, in rappresentanza di Rete Sociale, ha poi ribadito l'opportunità di accorpare le deleghe in campo sociale e sanitario. Si sono susseguiti poi gli interventi di Francesco Baldarelli, Stefano Marchegiani, candidato del PD al Consiglio Regionale, della Consigliera Regionale Adriana Mollaroli, della Capogruppo del PD Oretta Ciancamerla e dell'assessore alla cultura Franco Mancinelli.

A tirare le somme è stato infine Mezzolani, il quale ha sostenuto la necessità di difendere il sistema solidaristico in campo sanitario, piuttosto che permettere alla logica di concorrenizalità privata di prendere il sopravvento.

“Ben vengano -ha concluso Mezzolani- Consigli Comunali congiunti tra Fano e Pesaro, inseriamo nei confronti anche la Provincia, per dare ancora più forza al territorio”.


di Silvia Falcioni
redazione@viverefano.com




Questo è un articolo pubblicato il 14-02-2010 alle 13:51 sul giornale del 15 febbraio 2010 - 759 letture

In questo articolo si parla di politica, silvia falcioni

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/Jlz





logoEV