Treni, Utp: costituire un comitato dei pendolari fanesi

treno 3' di lettura Fano 04/02/2010 - \"Ancora una volta una Stazione Ferroviaria disabilitata è stata presa d\'assalto dai vandali e dai ladri con enormi danni che RFI (Rete Ferroviaria Italiana che cura le Stazioni) dovrà riparare. Ma che comunque sono danni che paga tutta la collettività onesta\".

La scrivente si è subito attivata chiedendo un incontro urgente all\'Assessore Regionale ai Trasporti Pietro Marcolini che credo farà il possibile per convocare al più presto sia UTP che le altre Associazioni di Utenti e Consumatori. Il problema del vandalismo è molto grave ed ancora una volta staremo a vedere la risposta di RFI una volta riparati i danni. Sono diversi anni che la scrivente si batte perchè venga combattuto il vandalismo non solo nelle stazioni, ma anche sui treni: graffiti in primo piano. Serve fare degli investimenti iniziali per poi vedere qualche risultato dopo un po\' di tempo. Il primo di questi investimenti è il lancio di una campagna di sensibilizzazione e se ciò non dovesse dare i frutti sperati passare alla creazione di un settore della Polizia Ferrovia, affiancato da un gruppo di volontari, addetto esclusivamente a combattere i vandalismi. Ormai sono passati oltre 10 anni da quando la scrivente, tramite un parlamentare piacentino, aveva redatto un Disegno di Legge che presentato alla Camera dei Deputati è poi rimasto lettera morta.



Dopo l\'ennesimo attacco si pensa di poter rilanciare la proposta, anche se su i graffiti si è intervenuti legislativamente con la Legge sulla Sicurezza dell\'anno scorso. Ma, purtroppo, i politici non hanno assolutamente voglia di combattere queste \"piccole cose\". Si, per loro sono piccole cose perchè devono pensare a bisticciare sulla Riforma della Magistratura e sul Legittimo Impedimento. Per chiudere: la scrivente vorrebbe rafforzare con una raccolta di firme da inviare all\'ing. Elia, Amministratore Delegato di RFI, da fare nell\'ambito della Stazione di Fano, oppure presso la nuova Autostazione. Per ciò si cercano persone volontarie che in un giorno da stabilire, possano collaborare col sottoscritto alla raccolta. Coloro che fossero disponibili alla suddetta collaborazione contattino la scrivente all\'indirizzo e-mail: utp_sg@yahoo.it (trattino basso _ dopo utp). Ancora un\'ultima cosa: la scrivente, a volte, ha la netta sensazione che l\'utenza ferroviaria pendolare voglia solo parlare e lamentarsi, perchè allorquando UTP ha chiesto la collaborazione nessuno, dico nessuno ha risposto all\'appello.



Sembra che ognuno voglia fare \"il fai da te\", come al Supermercato, ma le Ferrovie non sono un Supermercato. Ricordiamoci che le Vittorie (con la V maiscuola) si ottengono con l\'Unione delle Forze, di tutte le Forze che ogni giorno usano i mezzi del Trasporto Pubblico. Basta guardare il risultato ottenuto con la protesta collettiva in merito alla soppressione delle fermate dal nuovo orario. Pertanto, sarebbe necessario costituire ufficialmente un Comitato dei Pendolari Fanesi che UTP supporterebbe volentieri visto che è l\'Unica Associazione in Italia speciliazzata per il Trasporto Pubblico.


da Antonio Bruno
Segr. Prov. Associazione Utenti Trasporto Pubblico





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 04-02-2010 alle 23:34 sul giornale del 05 febbraio 2010 - 4559 letture

In questo articolo si parla di attualità, fano, antonio bruno, ferrovie, treno