Terzo appuntamento per la rassgna \'Verso di Lei\'

adrienne rich Fano 29/11/2009 - “Da una lingua all’altra” s’intitola il terzo appuntamento della rassegna “Verso lei: donne in poesia”, organizzata dal Comune di Fano, dall’assessore alle pari opportunità Maria Antonia Cucuzza e dal Centro Documentazione delle Donne.

L’incontro, lunedì 30 novembre alle 18:00, nella sala di rappresentanza della Fondazione Cassa di Risparmio di Fano (via Montevecchio 114) è con la poetessa e traduttrice Maria Luisa Vezzali di Bologna. Laureata in Storia della lingua greca con una tesi sul linguaggio poetico dell’Antologia Palatina, Maria Luisa Vezzali ha lavorato per dieci anni nel mondo dell’editoria per poi dedicarsi all’insegnamento. Come traduttrice si occupa di narrativa per la Mondadori e ha curato Cartografie del silenzio, un’antologia della poetessa americana Adrienne Rich (Crocetti, 2000), e Conoscenza della luce del poeta francese Lorand Gaspar (Donzelli, 2005). Come poeta ha esordito nel 1987 con la raccolta L’altra eternità, a cui è seguita Eleusi marina (in Poesia contemporanea. Terzo quaderno italiano, 1992), Dieci nell’uno (2004) e Lineamadre (Donzelli, 2007). I suoi versi sono stati pubblicati in Germania e in Spagna.

«Io cercavo l’espressione esatta, ma trovavo sempre l’espressione bella», scrive Maria Luisa Vezzali a proposito del suo secondo libro, «E così ho dovuto far esplodere tutto. Mi è servita a quel punto l’esperienza della traduzione: non c’è migliore trasfusione, non c’è ricambio di sangue come questo. Andando alla ricerca del “donatore”, ho incontrato Adrienne Rich e le sue parole». Questo terzo incontro di “Verso lei” si svolgerà proprio lungo la linea tracciata dal passaggio che avviene da donna a donna, da una lingua all’altra, attraverso l’esperienza della traduzione, ma anche attraverso quella, quotidiana, dell’insegnamento. «Ogni poeta […] vive nella tensione. Nel paradosso, come a scuola. Dove ci si consuma nella teoria sapendo sulla propria pelle che l’insegnamento è soprattutto un “giorno per giorno”, un fare; nel fermare e socializzare le esperienze riuscite, sapendo in realtà che non esistono conquiste definitive e che le cose importanti sono ogni anno da reinventare; nel dialogare con il territorio sapendo con chiarezza che quello che avviene dentro le pareti dell’aula è fieramente in conflitto con quello che avviene fuori; nel praticare l’accoglienza dell’adolescente sapendo nel profondo che alla fine del percorso si è sicuri soltanto di un risultato: esser andati un po’ oltre nella trasformazione di se stessi» (Maria Luisa Vezzali).

L’attrice Maria Flora Giammarioli leggerà nella prima parte dell’incontro alcuni testi di Adrienne Rich, considerata la maggiore poetessa americana vivente, nota anche come teorica, attivista e femminista (suo il celebre saggio Nato di donna, ininterrottamente ristampato da Garzanti dal 1995, primo libro femminista interamente dedicato alla maternità). La seconda parte dell’incontro sarà dedicata invece agli inediti e all’ultima raccolta poetica di Maria Luisa Vezzali, Lineamadre, un libro che raccoglie dieci anni di scrittura e sul quale si proietta la grande ombra della madre: la madre reale, le madri letterarie, le madri assassine della cronaca, l’esperienza della maternità, la maternità come figura del processo creativo e della responsabilità nei confronti dell’oggetto creato.





Questo è un articolo pubblicato il 29-11-2009 alle 14:54 sul giornale del 30 novembre 2009 - 787 letture

In questo articolo si parla di fano, comune di fano





logoEV