Stanziati i fondi anti crisi, Aguzzi: da sinistra solo polemiche patetiche

Fano 27/11/2009 -

Sono state rese pubbliche le linee guida con le quali saranno distribuiti i fondi anticrisi. \"Modalità di erogazione che seguono i regolamenti comunali istituiti proprio dal Centro Sinistra nel 1992\" precisa subito dall\'Assessore Riccardo Severi per rispondere alle recenti critiche di clentelismo arrivate dall\'opposizione.



I contributi, in tutto 260 mila euro, verranno divisi tra i 20,000 euro destinati ad interventi a tempo medio-lungo come l\'incentivo alla conversione dei contratti di locazione da canone libero a canone concordato e quelli disposti per interventi immediati a sostegno delle quotidiane difficoltà in cui versano i cittadini destinatari. Fondamentale in questo periodo di crisi sono appunto i tempi: il criterio di assegnazione dei fondi anticrisi seguirà la graduatoria aperta pubblicata ogni 15 giorni, l\'uscita del primo bando è prevista per il primo dicembre. Tutti i cittadini interessati possono rivolgersi presso l\'ufficio comunale di Via Garibaldi e presso l\'ex ufficio dei Minori di Via Nolfi.


\"Si tratta di fondi provenienti dalla redistribuzione della redditività grazie alla maggiore entrata dell\'IRPEF\" precisa l\'Assessore Delvecchio che ringrazia pubblicamente la Fondazione Carifano che ha donato 30,000 euro: \"l\'unico istituto fino ad ora ad aver risposto fino ad ora al nostro appello\". Il Sindaco Aguzzi torna poi sulla polemica nata proprio sui fondi anticrisi e sulla non condivisione delle modalità di erogazione da parte dei Sindacati: \"una polemica inutile e stupida della Sinistra che si è piegata sull\'avversione che i Sindacati nutrono storicamente nei confronti di questa giunta. Una polemica patetica in questo momento di crisi nel quale sarebbe stato più utile agire in modo coeso\".








Questo è un articolo pubblicato il 27-11-2009 alle 13:29 sul giornale del 28 novembre 2009 - 1079 letture

In questo articolo si parla di fano, politica, stefano aguzzi, Elena Serrano, riccardo severi, fondi anticrisi