Gli uffici postali di Cartoceto, Novilara, Focara e Schieti rischiano la chiusura

poste italiane 2' di lettura Fano 18/11/2009 - \"Quali immediati provvedimenti si intende adottare per impedire che Poste Italiane privi il nostro territorio di quelle strutture che sono parte indispensabile dei servizi al cittadino?\".

Il sottoscritto Giancarlo D\'Anna consigliere regionale A.N.-PdL PREMESSO CHE


gli uffici Postali sono da sempre un presidio importante per i servizi sul territorio; CHE imprenditori, pensionati, comuni cittadini necessitano del servizio offerto dalla Posta per le proprie attività,per riscuotere le pensioni, per espletare gli abituali pagamenti.


CHE sopratutto per i piccoli centri, l\'Ufficio Postale, a parte il lavoro svolto è e resta un riferimento indispensabile al servizio della comunità.


PRESO ATTO CHE nei giorni scorsi si è tenuta una riunione regionale ad Ancona di Poste Italiane Spa con oggetto la “rimodulazione degli orari degli Uffici Postali minori”;


CHE in tale riunione si è stabilito di rimodulare (sarebbe più corretto dire ridurre) gli orari in uffici Postali minori di alcune Province;


CHE nella Provincia di Pesaro Urbino gli interventi di “rimodulazione” riguarderebbero: Cartoceto, Novilara, Focara, Schieti;


CHE in queste realtà, una per tutte Cartoceto l\'Ufficio Postale si trova in pieno centro del paese cosa che, oltre ad essere utile per i servizi postali, è importante per tenere vivo ed in vita il Centro Storico sopratutto dopo gli sforzi dell\'amministrazione Comunale di rilanciare Cartoceto attraverso una serie importante di manifestazioni e il progetto di traserire in centro lo stesso Municipio;


CHE la Regione Marche negli ultimi anni ha un programma apposito a tutela dei così detti “Centri Commerciali Naturali”, in altre parole i Centri Storici;


CHE la “rimodulazione” degli orari è l\'anticamera della chiusura definitiva degli Uffici Postali Minori;


CHE nella Provincia di Pesaro Urbino rischiano la stessa fine gli Uffici di Saltara, Canavaccio e Perticara;


CHE i piccoli centri necessitano di strutture e non possono in continuazione diventare il capro espiatorio di scelte prese lontano dal territorio e dalla gente.


TUTTO CIO\' PREMESSO


Interroga il Presidente della Giunta per conoscere quali immediati provvedimenti intenda adottare per impedire che Poste Italiane privi il nostro territorio di quelle strutture che sono parte indispensabile dei servizi al cittadino.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 18-11-2009 alle 18:35 sul giornale del 19 novembre 2009 - 2013 letture

In questo articolo si parla di politica, Popolo delle Libertà, giancarlo d\'anna, poste italiane


Caro Consigliere,<br />
questa è anche triste conseguenza delle scelte sbagliate che hanno voluto privilegiate le privatizzazioni ignorando (o quasi) le esigenze dei servizi sociali.<br />
Risalire la china sarà dura. Ma Lei fa benissimo provarci.<br />
Grazie.<br />