Al via la stagione dei teatri storici della provincia di Pesaro e Urbino

3' di lettura Fano 05/11/2009 - I palcoscenici storici della provincia di Pesaro e Urbino sono pronti per inaugurare una nuova stagione teatrale. Il cartellone 2009-2010 della Rete Teatrale del Teatro Stabile delle Marche, promossa da Provincia di Pesaro e Urbino, Regione Marche e Comuni di Cagli, Gradara, Macerata Feltria, Mondavio, Novafeltria, Pennabilli, San Costanzo, San Lorenzo in Campo, Sant’Angelo in Vado e Urbania, con il contributo del Ministero Beni e Attività Culturali, propone nei teatri provinciali (vere e proprie delizie architettoniche del nostro territorio) 18 spettacoli di alta qualità per un totale di 29 serate, tutte da gustare.

Mattatori e giovanissimi interpreti, grandi classici e nuovi autori (da Pirandello a Brecht, da Molière a Shakespeare da Rostand a Rodari, da Stoppard a Collodi, da Cechov a Fo), opere comiche, brillanti e drammatiche, si alterneranno - dal 30 novembre 2009 al 1 aprile 2010 - nei palchi dei teatri della Rete, per il piacere di un pubblico estremamente vario sia per gusti che per età. Accanto ad affermati protagonisti della scena nazionale (come Zuzzurro & Gaspare, Paola Gassman, Enzo Vetrano, Stefano Randisi, Marina Suma), la stagione ospiterà grandi interpreti della comicità italiana: Paolo Rossi, Giobbe Covatta, Stefano Nosei, Maria Cassi, Nuzzo e Di Biase, Alessandra Faiella. Ma non mancano affascinanti proposte di teatro contemporaneo come il Pinocchio della storica compagnia lucchese del Teatro del Carretto, diretta da Maria Grazia Cipriani e Graziano Gregori o il Rosencrantz e Guildestern della Compagna Elsinor o il Cirano di Corrado d’Elia. Largo spazio ai bravissimi attori della nuova generazione come quelli della Compagnia Gank (del Teatro Stabile di Genova) o del Teatro Stabile dell’Umbria diretti da Massimo Castri. Assieme alla qualità, la stagione presenta anche delle interessanti novità.


A cominciare dalla proposta di allestire nei foyer dei teatri ospiti uno spazio dedicato alla letteratura teatrale, con i testi degli autori degli spettacoli in programma, saggi, biografie e pubblicazioni varie sullo spettacolo dal vivo. Inoltre, per favorire la conoscenza dei teatri storici della provincia (percorso turistico-culturale già avviato da questa stagione con il progetto di visite guidate Tournée) si è deciso di scegliere come immagine simbolo della campagna promozionale per la stagione teatrale 2009-2010 il “ritratto” del delizioso Teatro Apollo di Mondavio, recentemente restaurato e di imminente riapertura. Inoltre, nei libretti di sala delle stagioni - che diventeranno così anche delle piccole guide al patrimonio teatrale provinciale - saranno riportate immagini fotografiche e schede storico -artistiche di tutti i Teatri storici della Rete.


Per avvicinare il pubblico dei giovani, saranno riproposti gli apprezzati percorsi formativi teatrali, tramite diversi incontri pomeridiani con gli attori delle Compagnie protagoniste dei cartelloni e il progetto Scuola di Platea (curato da Amat e Teatro Stabile delle Marche, in collaborazione con alcune scuole del territorio) che rappresentano per i ragazzi degli importanti e significativi “primi passi” verso la conoscenza e il piacere del teatro. Confermata la proposta dei biglietti a carnet, a partire dal 28 novembre, che offre la possibilità ad ogni spettatore di farsi la propria stagione teatrale scegliendo liberamente almeno 5 diversi spettacoli in diversi teatri e, al contempo, di godere della riduzione dei biglietti. I prezzi dei biglietti di tutti i teatri della Rete verranno uniformati e ci saranno sconti grazie all’allargamento della fascia di pubblico fino a 29 anni e sopra i 65 anni. La campagna abbonamenti partirà da sabato 14 novembre a Urbania.


Per informazioni, abbonamenti e biglietti: Teatro Stabile delle Marche, Uffici di Fano tel. 0721.830145, dal lunedì al venerdì, dalle 17.00 alle 19.30





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 05-11-2009 alle 19:39 sul giornale del 06 novembre 2009 - 750 letture

In questo articolo si parla di spettacoli, teatro Marche cultura