Ospedale Santa Croce, D\'Anna: in poche ore 500 adesioni

D\'Anna 1' di lettura Fano 31/10/2009 - Sanità: Ospedale Santa Croce raccolta di firme per il rilancio del nosocomio.

“Non si può dire che agli abitanti della vallata del Metauro non interessi il futuro dell\'Ospedale di Fano - dice soddisfatto Giancarlo D\'Anna che insieme a Giovanni Orciani e Federico Arceci ha iniziato una raccolta firme a difesa e per il rilancio del Santa Croce -infatti-prosegue- tra le 500 firme raccolta stamane lungo Corso Matteotti numerose sono quelle di cittadini di altri comuni della vallata”.



L\'obiettivo è quello di far si che la legge che istituisce l\'Azienda Ospedali riuniti Pesaro-Fano non penalizzi ulteriormente il nasocomio fanese. D\'Anna è fermo: “hanno fatto una legge che lascia carta bianca alla politica per decidere del futuro del nostro Ospedale”, non hanno voluto dirci chiaramente e prima cosa sarebbe accaduto. Oggi regna un silenzio pieno di preoccupazione per il futuro del Santa Croce sia dal punto di vista della Sanità come dal punto di vista dell\'occupazione. Denuncia D\'Anna. Questo e altro è emerso durante la raccolta di firme. Altro tasto dolente le liste d\'attesa: decine di cittadini hanno lamentato tempi biblici che costringono a visite a pagamento.



“Non avevo detto una sciocchezza in consiglio regionale quando denunciai la possibilità che alcune liste fossero create ad arte. A Fermo i Carabinieri hanno aperto un\'indagine su tale argomento. Nel resto della Regione si chiede D\'Anna? La raccolta di firme prosegue sabato prossimo sempre lungo Corso Matteotti.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 31-10-2009 alle 15:02 sul giornale del 02 novembre 2009 - 1811 letture

In questo articolo si parla di fano, politica, Popolo delle Libertà, giancarlo d\'anna