Zanzara Tigre: la Regione se ne infischia... e il Comune di Fano? Segue a ruota!

3' di lettura Fano 25/04/2009 - Questa riflessione segue un articolo del consigliere regionale D\'Anna sul pressapochismo della Regione Marche relativamente alla lotta alla crescente piaga della Zanzara Tigre. Giustamente D\'Anna è in Regione e biasima il comportamento dell\'amministrazione regionale.

Ma del Comune chi se ne occupa? Infatti, se la Regione se ne infischia, il Comune di Fano la segue a ruota!
Vediamo perché.

In questi giorni è stato annunciato sul sito del Comune di Fano che a partire da Sabato mattina 6 giugno avverrà la distribuzione ai cittadini delle dosi di larvicida presso lo Stadio \"Mancini\". Mentre invece la disinfestazione larvicida dei tombini di competenza comunale sta già iniziando.

Ora, è cosciente il Comune di Fano che il 6 giugno saremo già invasi dalle zanzare?
Lo sa che la maggior parte del territorio fanese è terreno privato e che dunque la disinfestazione pubblica dei tombini che si sta attuando è una misura assolutamente insufficiente?
Lo sa l\'amministrazione che alla base della lotta contro la zanzara tigre ci deve essere la collaborazione di tutta la cittadinanza e che dunque occorre fare adesso un\'informazione serrata sull\'argomento?
Lo sa che una larva uccisa oggi equivale a migliaia di zanzare in meno a Luglio?

Non iniziare adesso una lotta in larga scala contro la zanzara tigre, basata su azioni ben precise di prevenzione e su una disinfestazione larvicida da parte anche dei privati, significa che nei prossimi mesi saremo obbligati a fare più disinfestazione adulticida, che ha un\'efficacia molto inferiore; inoltre, mentre l\'eliminazione delle larve è selettiva (nel senso che si uccidono solo le larve di zanzara), purtroppo la disinfestazione adulticida non lo è, nel senso che non fa distinzione tra le vittime ed uccide anche altre specie utili (per esempio api) ed anche nemici naturali della zanzara (come i ragni).

Provate a fare un sondaggio tra i vostri vicini e conoscenti... In quanti sanno come occorre comportarsi al meglio per ridurre questa piaga? Beh, purtroppo ho già verificato che al momento sono veramente una minoranza quelli che hanno le idee chiare, ma ancora meno quelli che mettono in pratica le giuste azioni!
Ed è qui che l\'Amministrazione Comunale ha la sua responsabilità: nell\'informare incessantemente i cittadini con ogni mezzo di comunicazione (sì, anche andando per strada con gli altoparlanti) e successivamente nel far rispettare le ordinanze che obbligano tutti ad adottare precise misure di prevenzione. Due azioni su cui purtroppo la nostra Amministrazione non ha mai fatto granché in questi anni, come se il problema a Fano fosse solo marginale.
Confidiamo che le cose cambino, in meglio!

E\' vero che adesso non ci sono nella nostra zona malattie, come la Chikungunya, di cui la zanzara tigre è vettore, ma non vorremmo doverci accorgere tra qualche anno di un\'emergenza che oggi non c\'è e subirne i danni sanitari ed economici (es. crack del turismo) perché oggi non abbiamo fatto tutto quello che è nelle nostre possibilità per evitarlo. Se a quel punto ci impegneremo a fondo per risolvere il problema, sarà come al solito un comportamento all\'Italiana.





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 25-04-2009 alle 23:51 sul giornale del 25 aprile 2009 - 764 letture

In questo articolo si parla di politica, comune di fano, bene comune, massimo lanci, zanzara tigre





logoEV