Marotta: scogliere, approvato un documento storico

Marotta 2' di lettura Fano 23/04/2009 - E’ stato approvato lunedì dal Consiglio comunale di Fano, l’ordine del giorno presentato dal consigliere del PdL Roberto Gresta, sulla proposta di referendum per valutare l’aggregazione del territorio di Marotta al Comune di Mondolfo. Una voto storico in quanto l’assise fanese non aveva mai deliberato positivamente sulla volontà di dare ai cittadini di Marotta di Fano la possibilità di esprimersi democraticamente riguardo all’unificazione territoriale della frazione. 

Ora la Regione, visto che il consiglio di Mondolfo si era già espresso positivamente, potrà finalmente promuovere una proposta di legge per indire un nuovo referendum. L’ ordine del giorno che è stato approvato a larga maggioranza (PdL, Bene Comune, Sinistra Unita) con l’incomprensibile e masochista astensione del PD.


Siamo ovviamente soddisfatti in primis perchè questo odg l\'abbiamo elaborato (io ed il consigliere Bassotti) insieme a Gresta ma soprattutto perché è un documento che nasce da una profonda collaborazione tra noi della Lista Civica Per Cambiare ed il consigliere Gresta che va avanti da anni attraverso un confronto costante sulle problematiche di Marotta attuato con tante iniziative congiunte sui tanti temi dalla viabilità all\'urbanistica, alla sicurezza e soprattutto sul tema dell\'unificazione territoriale. Questi sono fatti, dopo anni e anni di parole.


Ringrazio anche il Sindaco di Fano Stefano Aguzzi che con coraggio e spirito democratico si è adoperato in prima persona, a differenza dei suoi predecessori, in questi anni per riaprire il dibattito sull’unificazione di Marotta culminato nell’approvazione dell’ordine del giorno di Gresta.


La proposta di legge, corredata di tutte le indicazioni tecniche, darà poi seguito ad un iter legislativo che prevede consultazioni e pareri, questa volta indirizzati alla effettiva volontà di favorire o meno l’ unificazione di Marotta, ai quali dovranno dare risposta, oltre al Consiglio Provinciale di Pesaro-Urbino, anche i cittadini dei due comuni con un referendum consultivo. Non è la fine del procedimento è vero, ma rappresenta un passo decisivo verso il traguardo dell’unificazione territoriale di Marotta.


Ora seguiremo l’iter in Regione per evitare che, come successo in passato, la pratica venga dimenticata in qualche cassetto. I marottesi attendono da oltre 50 anni e non permetteremo che ne passino ancora altri.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 23-04-2009 alle 15:43 sul giornale del 23 aprile 2009 - 745 letture

In questo articolo si parla di politica, marotta, carlo diotallevi, per cambiare, alleanza nazionale, unificazione





logoEV