Ancora critiche per \'Bussola\'

Fano 15/11/2008 -

Il \"bus del weekend\" non convince. \"Utilizzo delle istituzioni a scapito del bene collettivo\" è l\'accusa che arriva da Alessandro Fichera, consgliere della prima circoscrizione.



A pochi mesi dalle elezioni comunali e dopo 4 anni di governo delle politiche giovanili del Comune di Fano, l\'assessore CarloniMirko, all\'anagrafe 27 anni d\'età, si è \"ricordato\" improvvisamente della pericolosità negli spostamenti notturni tra i locali del divertimento. Quando a Fano si esauriscono le alternative, mete preferite rimangono i locali di Pesaro, Senigallia, Cattolica, Riccione, Rimini e la discoteca Miu J\'adore di Marotta. In particolare i locali romagnoli possiedono una forte attrazione a livello di locali da ballo.


Gli autobus pagati dall\'amministrazione comunale fanese compiono il tragitto andata e ritorno da Carrara a Marotta passando per il Lido di Fano. Tre corse nel Sabato per un mese e mezzo fino a Natale, capodanno escluso. Considerando la portata del servizio, coloro che hanno l\'automobile e la patente non useranno mai questo trasporto gratuito. Ma qualcuno su questi autobus ci sarà: tutti i minorenni che vorranno rispondere al richiamo del divertimento avranno un passaggio gratuito fino alle 4.


Riflettendo sul fatto che negli ultimi quattro anni l\'offerta dei locali notturni a Fano si è progressivamente ridotta, tanto che pure Pesaro ci ha distanziato come quantità di alternative sia d\'estate che d\'inverno, mal si giustifica tale iniziativa. Senza considerare la macroscopica insufficienza dovuta al fatto che il periodo di maggiore pericolosità è l\'estate già abbondantemente passata, si aggiunge l\' incredibile coincidenza della chiusura invernale del Green bar, il locale più frequentato di Fano assieme al Bon Bon.


Tutta questa approssimazione non è un costo economico sulle spalle dei cittadini ma è un molto più grave utilizzo delle istituzioni a scapito del bene collettivo, e soprattutto della prevenzione, che deve ritornare un dovere morale del Comune di Fano.


Quando un bene collettivo si riduce ad uso specifico deve essere il privato a sponsorizzarlo , senza coinvolgere addirittura una cooperativa sociale che dovrebbe essere impiegata invece per orientare i giovani a crescere favorendo la scoperta di loro proprie alternative individuali.


E\' responsabilità del Sindaco e della Giunta utilizzare gli strumenti idonei per costruire le condizioni favorevoli alla crescita dei giovani fanesi. Oltre ad un esigenza sociale ed educativa è stata disattesa anche la possibilità di contenere l\'\"emorragia\" di giovani verso altre città. Nel piano urbanistico inventato dalla coalizione Uniti per Fano è stato previsto ogni genere di edificazione, ma nessuna di queste ha previsto una zona fuori dal centro abitato con la possibilità di costruire una discoteca \"in casa\", facilmente collegata e controllabile. A Fano manca un locale da ballo puro che rimpiazzi quelli delle altre città più lontane dove i giovani fanesi diventano tra i migliori assidui clienti.


Federico Valentini è padre di 4 figli e vive responsabilmente le aspettative e i disagi di chi vive l\'adolescenza o entra nel mondo adulto. Scegliere una direzione piuttosto che un\'altra non deve rispondere ad una logica di convenienza, ma nascere dalla realtà vissuta e compresa. Dialogare con la Provincia e il Comune di Pesaro, che tra l\'altro ha già sperimentato un disco-bus verso tutte le principali discoteche romagnole, risponde al bisogno di una intera collettività senza distinzioni e disparità di trattamento.


Il Partito Democratico è preparato a sentire collegialmente i bisogni durante le proprie assemblee e decide ascoltando con umiltà le opinioni che ognuno sente sulla propria pelle senza limitazioni o gerarchie di pensiero. La partecipazione è un principio ormai acquisito dalla nascita e nelle esperienze storiche vissute dentro la città.


da Alessandro Fichera
Consigliere PD - I Circoscrizione




Questo è un comunicato stampa pubblicato il 15-11-2008 alle 01:01 sul giornale del 15 novembre 2008 - 905 letture

In questo articolo si parla di fano, politica, mirco carloni, Alessandro Fichera, bussola





logoEV