Sinistra Unita: \'se Fano non ha ancora un PRG è colpa di Aguzzi\'

sinistra unita 22' di lettura Fano 12/11/2008 - Sinistra Unita alimenta le critiche sul PRG che in questi giorni tengono banco nel panorama della politica fanese. Dopo gli attacchi di \"Lupus in Fabula\" è Teodosio Auspici della segreteria di \"Sinistra Unita\" a mettere in luce quelle che reputa le mancanze del nuovo strumento che dovrà regolare lo sviluppo urbanistico della città.

All\'ipocrisia di questi giorni occorre rispondere facendo un po\' d\'ordine partendo da questa domanda: perché Fano non ha ancora un PRG e di chi è la colpa? Fano non ha un PRG perché Aguzzi e i suoi hanno voluto revocare il precedente per fare i propri comodi. Dalla revoca sono passati più di quattro anni e l\'epopea dello scempio non è finita. Ora ci vengono a raccontare che i tempi sono stretti e che tutto va bene.


Ma non sembra proprio così, la CPT (Commissione Provinciale Tecnica, alla quale spetta il controllo tecnico sui piani regolatori della provincia) non ha potuto fare a meno di tagliare e cercare di rimettere le cose un po\' a posto. Ma sembra proprio che ha posto ci fosse ben poco. I risultati trapelati sono altri rispetto a quanto Aguzzi e Falcioni vanno dicendo: un taglio del 30% all\'edificabile con circa 127 prescrizioni a carico del Comune di Fano.


La domanda nasce spontanea: ma cosa hanno fatto in questi quattro e più a Fano? Comparti interi cancellati e fra questi anche alcuni che avevamo rivelato noi di Sinistra Unita quali i villini della Trave e il comparto a Rosciano di fronte alla fonderia. Conferme pesanti che gravano su Aguzzi e Falcioni. Ma loro ostentano tranquillità spostando il tiro sulla bocciatura delle B5, le case dei contadini che si volevano fare ampliare. In realtà anche qui c\'è una bugia grande in quanto nei lotti non edificati si voleva far costruire da nuovo 120 mq ogni 3.000 mq di terreno vergine, alla faccia dei piccoli \"ampliamenti e dei ricongiungimenti familiari\". Siamo convinti che la CPT non dovesse \"solo\" correggere i compiti fatti malissimo dal nostro sindaco, ma che dovesse rimandare l\'elaborato al mittente in quanto fortemente viziato.


Non dimentichiamo gli oltre 50 nuovi comparti, mai pubblicati, nati durante la fase delle controdeduzioni della giunta senza che un fanese abbia potuto dire una parola o una osservazione: anche qui alla faccia della democrazia e della partecipazione tanto sbandierata da Aguzzi. Venerdì prossimo la palla passa alla politica visto che la giunta provinciale si dovrà pronunciare sul PRG di Fano. Speriamo vivamente che almeno per i detti nuovi comparti ci sia la richiesta di riadozione altrimenti si rischierebbe, alla fine, di partorire un PRG sotto scacco da possibili ricorsi al TAR per vizi procedurali. E per tutto questo dobbiamo sempre ringraziare la nostrana coppia Aguzzi-Falcioni.

Fanesi attenti ai quei due.





Questo è un articolo pubblicato il 12-11-2008 alle 01:01 sul giornale del 12 novembre 2008 - 804 letture

In questo articolo si parla di fano, politica, prg, sinistra unita, Sinistra Unita Fano