Il PD in soccorso della Giunta Aguzzi per l\'approvazione del Prg

fano Fano 12/11/2008 - Le dichiarazioni dei maggiori esponenti del partito di opposizione in merito alle zone omogenee B5, strada delle barche ed altre previsioni, lasciano intendere un possibile accordo con la coalizione di governo e spiegano, in parte, la debole opposizione che il Pd ha espresso il Consiglio Comunale in sede di seconda adozione del Piano.

Sulle decisioni della Provincia ci esprimeremo quando riusciremo a leggere nel dettaglio la delibera che restituirà con prescrizioni e raccomandazioni il P.R.G. al Comune di Fano, ma fin d\'ora possiamo affermare che valuteremo con attenzione la possibilità di fare un ricorso al T.A.R. se il P.R.G. non venisse ripubblicato, in modo da dare la possibilità ai cittadini di presentare osservazioni (nel termine di 60 gg) sui nuovi comparti introdotti, nel settembre 2007, in sede di seconda adozione. Inoltre non possiamo che essere d\'accordo sui tagli operati alle aree residenziali ed industriali, che sono previste in quantità esorbitante rispetto al reale fabbiscogno abitativo ed al tasso di crescita del settore produttivo.


In merito alle B5 siamo soddisfatti del parere dell\'Uff. Urbanistica della Provincia che accoglie una nostra osservazione. Infatti le B5 introdotte nel nuovo P.R.G. risultano una palese violazione-elusione della normativa che vieta l\'edificazione in zona agricola. Come è infatti agevole notare da un punto di vista cartografico tutta l\'ampia zona agricola del territorio comunale è costellata da tale frammentaria previsione che potremmo definire una \"vasta e disseminata micro frattura alla tutela del territorio agricolo\". Questo anche in forza di quanto previsto dal D.I. 2.4.1968 n° 1444 il quale stabilisce che il territorio, per essere classificato in zona \"B\", deve essere già coperto da costruzioni per almeno un ottavo dell\'intera superficie di zona.


Ci sorprendono invece le dichiarazioni del Presidente della Provincia Palmiro Ucchielli quando afferma che \"E poi diciamo la verità: questo Piano non è il massimo e c\'erano tutti i presupposti per una sonora bocciatura. Dal punto di vista tecnico è stato fatto il massimo dello sforzo per dare una mano\". A questo punto chiediamo al Presidente: perché nonostante \"i presupposti \" segnalati con lettere, appelli, comunicati, da parte di associazioni e partiti che indicavano gravi carenze e incongruenze del P.R.G. con i Piani sovraordinati il P.R.G. fanese non è stato bocciato? Perché è stato fatto ogni sforzo per dare una mano alla Giunta Aguzzi? A chi giova l\'approvazione di un Pr.g. che è solo la somma di piccoli e grandi interessi, che cementifica in maniera indiscriminata ed irreversibile il territorio, che non rispetta le procedure di partecipazione dei cittadini previste dalla Legge Urbanistica Regionale, che non si coordina con i Piani dei comuni limitrofi, che interpreta in maniera lassiva i vincoli di PPAR E PTC?


Noi un\'idea ce l\'abbiamo, e poiché siamo convinti che il P.R.G. AguzzI non favorisce il bene comune, la salvaguardia dell\'ambiente e lo sviluppo sociale, economico e culturale dei cittadini fanesi, lavoreremo fino alla fine perché sia modificato in maniera sostanziale.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 12-11-2008 alle 01:01 sul giornale del 12 novembre 2008 - 778 letture

In questo articolo si parla di fano, lupus in fabula, politica





logoEV