Ginnastica ritmica: l\'Aurora Fano seconda a Chieti

Fano 04/11/2008 - La squadra fanese, guidata dalla tecnica georgiana Nani Londaridze, conquista un meritatissimo secondo posto mettendo in carniere i primi importantissimi 22 punti in un campionato che vede la partecipazione delle migliori ginnaste del palcoscenico di ritmica nazionale ed internazionale.

Sulla pedana di Chieti rompe il ghiaccio l’esercizio al corpo libero di Valeria Schiavi, la giovane ginnasta di San Benedetto Del Tronto , da qualche anno arruolata nel team di Paola Porfiri e campionessa italiana in carica nella categoria allieve Junior 1° fascia 2008, mette in mostra tutte le sue doti eseguendo un esercizio di estrema precisione premiato dalla giuria con il punteggio (che sarà il secondo generale al corpo libero) di 16,700.

Dopo di lei è la volta di Marina Shpekht , la ginnasta russa , ingaggiata quest’anno come straniera, dalla società Aurora, esegue fune e successivamente clavette, inanellando due prove esaltanti che infiammano di applausi l’intero palazzetto.

Marina incanta , mescolando grazia ,capacità tecniche di altissimo rilievo ed una espressività che la rende unica. I punteggi di 17.550 e 17.675 sono il giusto premio dato alla Shpekht dalla giuria.
All’esercizio con il cerchio si presenta poi Camilla Bini, l’atleta fanese, fresca reduce dai recenti campionati europei di Torino (che l’hanno vista entrare nella finale a 8 con il cerchio), bagna il suo esordio in serie A con una prova di estrema precisione, eleganza e sicurezza e conquista il punteggio di 16,550 miglior punteggio, tra tutte le italiane presenti, con quell’attrezzo a dimostrazione di una crescita tecnica elevata.

Dopo di lei è il turno della “siciliana” Martina Alicata Terranova, l’atleta, ormai fanese di adozione, trasferitasi alla corte di Paola Porfiri dalla lontana Sicilia due anni orsono, conferma con l’esercizio alla palla, di essere una ginnasta dal futuro certo, date le indubbie doti possedute. Martina si aggiudica il punteggio di 16,500 , il più alto in assoluto dell’intera serie A1 sull’attrezzo.

Conclude poi Vanessa Arbore , con l’esercizio al nastro, la rotazione della società Aurora Fano, l’atleta di Pesaro esegue l’esercizio con la solita grinta e reattività, qualche piccolo errore compromette però il giudizio generale ed il punteggio di 14,875 lascia un po’ d’amaro in bocca.

Il totale di squadra , di 99.850 porta comunque l’argento alla società fanese , alle spalle della società vincitrice dello scorso anno, Virtus Gallarate , e davanti alla formazione di casa dell’Armonia d’Abruzzo. Solo quarta la Ginnastica Fabriano, a guidare il gruppo delle inseguitrici.

Nel pomeriggio si era svolta la gara di serie A2 , con la neopromossa seconda squadra dell’Aurora Fano, ( unica società in Italia con due squadre nelle due serie maggiori di ritmica) che, pur sul filo dei centesimi di punto , alla fine si classifica solamente all’ultimo posto.
Le ragazze del “ vivaio Aurora”, allenate da Letizia Rossi, mettono insieme una prova di squadra di buon livello, da sottolineare tra l’altro che era l’unica squadra ( assieme alla rimica 2000 di Quartu S.elena) senza straniere in formazione in una serie A2 di altissimo livello , che annovera addirittura la campionessa olimpica Eugenia Kanaeva.

Qualche errorino e la mancanza di esperienza penalizzano un po’ le “nostre “ ma la situazione può tranquillamente essere ribaltata nelle gare a venire per garantire la permanenza in questa importante categoria.

Sabato di gloria dunque per la ritmica fanese .

Paola Porfiri , Nani Londaridze , Letizia Rossi e la coreografa Alessandra Paoloni dimostrano attraverso le ginnaste come paghi il quotidiano lavoro e come la serietà e la competenza tecnica alla fine portino assolutamente risultati.

Prossimo appuntamento l’ 8 novembre in quel di Desio. Obiettivo: Puntare in alto!







Questo è un comunicato stampa pubblicato il 04-11-2008 alle 01:01 sul giornale del 04 novembre 2008 - 2953 letture

In questo articolo si parla di fano, sport, ginnastica, Aurora Fano, chieti





logoEV