Marotta: Diotallevi, una commissione intercomunale per Marotta

carlo diotallevi Fano 02/11/2008 - Occorre riproporre l\'unificazione e mettere da parte i campanilismi che hanno danneggiato Marotta e Mondolfo. Nelle scorse settimane ho apprezzato e condiviso gli interventi d Bruno Rapa e Ilva Sartini in merito alla questione della divisone territoriale di Marotta .

Bruno Rapa, noto operatore turistico di Marotta rilevava le contraddizioni di una politica territoriale che alla fine penalizza un po’ tutti, ma in particolare proprio la stessa Marotta.diventato il territorio dove le presenze turistiche rappresentano il 98% di quelle riguardanti tutto il Comune di Mondolfo ed il 75% di tutto il Comune di Fano. Rapa ricordava giustamente che si perde il tempo a vagheggiare un’unica città metropolitana, di realizzare un unico ospedale fra Pesaro e Fano eppure nessuno di questi illuminati politici affronta in modo deciso lo scandaloso problema dell’unificazione di Marotta. Ilva Sartini di Confesercenti invita le giunte di Fano e Mondolfo a incontrarsi con le categorie perché Marotta ha bisogno di una politica unitaria a tutti i livelli, amministrativo, ambientale, del turismo e delle infrastrutture La Sartini proponevo giustamente di promuovere un incontro congiunto tra le amministrazioni di Fano e di Mondolfo anche alla presenza delle associazioni di categoria”.

Lo scorso Aprile noi della Lista Civica Per Cambiare abbiamo presentato un ordine del giorno insieme ad alcuni consiglieri di maggioranza, per riaprire,dopo anni di silenzio la discussione in Consiglio Comunale sull’unificazione territoriale di Marotta e sui tanti problemi che affliggono la città proprio a causa di questa divisione. Occorre innanzitutto ricordare che presso la Regione Marche esiste un procedimento riguardante la richiesta avanzata dal Consiglio Comunale di Mondolfo negli anni scorsi, di unificazione della parte di Marotta di Fano sotto il Comune di Mondolfo. Purtroppo però tutti gli atti posti in essere in questi anni dal Comune di Mondolfo sono rimasti lettera morta in Regione e quindi non si sono concretizzati.

Noi della lista civica nel corso del citato Consiglio Comunale abbiamo elencato una serie di priorità che riguardano Marotta e che devono essere assolutamente risolte a prescindere dalla questione dell’unificazione amministrativa che deve essere riproposta con forza in Regione abbandonando una volta per tutte le logiche campanilistiche che in questi anni hanno danneggiato non solo Marotta ma anche Mondolfo. Secondo noi queste priorità sono: * Confronto e condivisione con il Comune di Fano di tutti gli strumenti urbanistici (compresi i piani particolareggiati)e di tutte le scelte importanti che riguardano Marotta. * Realizzazione di un Cimitero a Marotta * Revisione totale e comune della viabilità * Una promozione e programmazione turistica concordata * Una collaborazione tra i due corpi di vigili urbani * Valorizzazione di Villa Valentina attraverso il trasferimento di importanti uffici e servizi comunali (di Mondolfo) * acquisizione del binario morto dalle Ferrovie per realizzare una srada parallela al Viale Carducci che parta da Piazza Kennedy e arrivi a Piazza Roma creando più parcheggi e una migliore viabilità * Acquisizione del ex casello ferroviario di piazza Kennedy per poter allargare la piazza e rivedere la viabilità della zona

Dopo ore di dibattito sulle problematiche di Marotta noi della Lista Civica abbiamo avanzato un’idea che è stata accolta positivamente dal Consiglio e dal Sindaco: la creazione di una Commissione Intercomunale per Marotta (Fano Mondolfo e San Costanzo) composta da Sindaci, assessori, Tecnici e associazioni (come chiedeva giustamente la Sartini) che si incontri periodicamente sulle varie questioni e che attraverso una concertazione vera porti gradualmente ad un’armonizzazione degli strumenti e delle politiche amministrative che riguardano Marotta. Il Sindaco si è impegnato a convocare quanto prima questo organo in modo da coinvolgere da subito le altre amministrazioni sui problemi di Marotta, purtroppo però ad oggi non abbiamo avuto notizia della formazione e convocazione di tale Commissione. Rimaniamo convinti che molte cose di quelle che abbiamo sottolineato possano, anzi debbano essere realizzate dall’amministrazione Mondolfese che in questi anni purtroppo ha dimenticato i veri problemi di Marotta e quando ha investito lo ha fatto male senza un minimo di progettualità e programmazione.





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 02-11-2008 alle 01:01 sul giornale del 03 novembre 2008 - 1603 letture

In questo articolo si parla di attualità, carlo diotallevi, per cambiare, alleanza nazionale


la pioggia e il bel tempo favoriscono la crescita dell\'erba, ragion per cui... \"campa Cavallo\"!




logoEV