Marijuana da fumare e respirare, in manette giovane coppia

39' di lettura Fano 01/11/2008 - Questa la nuova frontiera dello sballo. Scoperta piantagione e sofisticati macchinari nella casa di due fidanzatini di Saltara.

Sembrava una vita tranquilla e scandita dall\'abitudinaria routine quella di Nicola Briscolini e Eleonora Rosatelli, due giovani fidanzati di 24 e 20 anni residenti a Saltara e impiegati entrambi in un\'azienda di Calcinelli. Un\'esistenza sconvolta dalla scoperta che i Carabinieri di Urbino hanno fatto nella residenza della giovane coppia: in casa era nascosta un\'enorme piantagione di marijuana.


Ma le sorprese non erano finite: a stupire gli stessi militari è stato lo strumento altamente tecnologico che i due usavano per eliminare l\'odore delle piante: un aspiratore di odori che rimetteva in circolazione aria pulita ma anche un vaporizzatore utilizzato per riempire di fumo alcune sacche di plastica. Queste, sature del principio attivo del fumo, venivano poi respirate per lo sballo.


Le forze dell\'ordine erano sulle tracce dei due fidanzatini fin dallo scorso agosto: nel garage della loro residenza era infatti allestita una serra per la produzione intensiva di canapa indiana, in tutto 10 piante da 50 centimetri. I sospetti erano nati per l\'odore di marijuana e dalla luce che trapelavano costantemente dalle feritoie della porta.






Questo è un articolo pubblicato il 01-11-2008 alle 01:01 sul giornale del 03 novembre 2008 - 957 letture

In questo articolo si parla di cronaca, droga, urbino, saltara, Elena Serrano, marijuana, carabinieri di urbino





logoEV