Mondolfo: niente più spazi per le associazioni sportive

3' di lettura 19/09/2008 - Un problema molto sentito dai giovani del nostro Comune è quello della mancanza di strutture sportive. Da oltre 20 anni dopo la realizzazione del Palazzetto dello sport di Marotta non ne sono state realizzate altre e questa struttura è oggi incapace di ospitare tutte le numerose associazioni sportive locali che svolgono un opera fondamentale a livello sociale.

Le associazioni sportive locali non hanno più spazi a disposizione e sono costrette ad esercitare le proprie attività in ambienti non consoni o addirittura in altri comuni, molti ragazzi infatti sono costretti a spostarsi presso altri comuni limitrofi dotati di tali strutture, creando molti disagi a tutti e soprattutto ai minorenni e ai genitori. Un esempio sono gli atleti dello judo che nonostante i prestigiosi traguardi raggiunti (titoli italiani ed europei, la medaglia di bronzo della Morico alle olimpiadi di Athene e la partecipazione anche a quelle di Pechino) è ancora costretto a svolgere la propria attività in uno stanzino di pochi metri quadri. Per non parlare della carenza totale di strutture a Mondolfo dove le associazioni di pallacanestro e pallavolo sono costrette a giocare in una palestra fatiscente che è priva di tutto; purtroppo sul tema di Mondolfo molti politici mondolfesi del centro sinistra sono più abili a fare polemiche qualunquiste e campaniliste che con i fatti!



Un altro caso è quello delle strutture per il calcio amatoriale e calcetto esistenti sul nostro territorio in quanto le uniche due nuove strutture sono state realizzate dalla Chiesa con l’8 per mille e dall’ A.C.L.I. mentre quelle presenti realizzate dalle amministrazioni passate sono in stato di incuria o di totale abbandono:

- Il campo da calcio realizzato dietro alle scuole materne di Marotta è un esempio sconcertante: mal realizzato più di dieci anni fa, e mai custodito non è mai stato usato da nessuno perché in condizioni vergognose; se non da chi ci porta a fare i bisogni al proprio cane o concesso al circo di turno

-Il campo da calcio a fianco delle scuole medie “E.Fermi” nel cuore di Mondolfo, anch’esso in uno stato vergognoso e perciò raramente utilizzato.



Chiediamo quindi con forza il recupero di tali strutture esistenti e la realizzazione di nuove strutture sia all’aperto che al coperto da dislocare a Marotta e a Mondolfo come promesso da Cavallo in campagna elettorale. Per fare un esempio pratico il Comune di Monterado (dove molti giovani del nostro comune si recano) ha realizzato due strutture, una al coperto, polivalente e una all’aperto in località Ponte Rio, entrambi di proprietà comunali la cui gestione è stata affidata però a privati che ne assicurano il buon funzionamento ed il corretto utilizzo. Il programma di Cavallo era pieno di promesse in tal senso che fino ad oggi sono rimaste solo sulla carta. E\' ipocrita parlare del disagio giovanile se poi non si forniscono alternative positive. Tali interventi, sono possibili e soprattutto necessari. Non si possono realizzare PRG “elettorali” che prevedono incrementi di 6000 abitanti e non progettare le strutture e i servizi necessari, è una vergogna.








Questo è un comunicato stampa pubblicato il 19-09-2008 alle 01:01 sul giornale del 19 settembre 2008 - 842 letture

In questo articolo si parla di mondolfo, politica, carlo diotallevi, per cambiare, alleanza nazionale