Casalinghe e operai spacciatori: cinque denunce a Fano

arresto 20' di lettura Fano 17/09/2008 -

Tre operai campani e due casalinghe di Mondolfo, sono state denunciati per spaccio di cocaina dai carabinieri di Fano. L\'operazione Drug House è iniziata a marzo con l\'arresto di C. C., pregiudicato campano di 26 anni residente a Mondolfo.



Nel mese di marzo, i militari di Marotta avevano arrestato C.C., pregiudicato nullafacente, campano ma residente a Mondolfo, con l\'accusa di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. I militari avevano sequestrato al 26enne circa 70 gr. di cocaina di ottima qualità, la somma di 1.350 euro e due bilancini di precisione.




Dalle successive investigazioni è emerso un quadro dell\'attività di spaccio ben più complesso: il ragazzo eseguiva periodici approvvigionamenti di \"cocaina\" dalla Campania per poi spacciarla nella zona di Fano, Mondolfo, Senigallia e Pesaro. E in questa attività era aiutato da cinque complici: M.L. 24enne operaio campano residente nella provincia di Ancona, B.A. 40enne operaio residente a Napoli, R.S., 31enne operaio residente a Pesaro e di due casalinghe S.L. 28enne e M.M. 29enne, entrambe residenti a Mondolfo, che eseguivano la vendita delle dosi di sostanza stupefacente nelle rispettive abitazioni, dove si recavano i tossicodipendenti per approvvigionarsi di cocaina.



Sono cinque in tutto le denunce effettuate grazie a quest\'operazione, denominata \"Drug House\", che ha permesso ai Carabinieri di Fano di sequestrare un totale di oltre 100 grammi di cocaina dal valore di oltre 20mila euro.






Questo è un articolo pubblicato il 17-09-2008 alle 01:01 sul giornale del 17 settembre 2008 - 978 letture

In questo articolo si parla di cronaca, fano, carabinieri, arresto, Elena Serrano, cocaina, spaccio





logoEV