Dal 2 agosto festeggiamenti per la riapertura del \'Teatro della Fortuna\'

RitrattoTorelli| 3' di lettura Fano 01/08/2008 - Sabato 2 agosto (foyer, ore 19) con l’inaugurazione della mostra dedicata a Giacomo Torelli e la prima visita notturna al Teatro hanno inizio i festeggiamenti del decennale della riapertura del Teatro della Fortuna.

La Fondazione Teatro della Fortuna celebra la restituzione alla Città di uno dei suoi più importanti monumenti architettonici e della massima istituzione cittadina, “cuore pulsante – come scrive il presidente della Fondazione Teatro e sindaco di Fano, Stefano Aguzzi - della vita artistica ma anche civile di Fano” che fu riaperto nel 1998 dopo ben 54 anni di forzata chiusura dovuta ai danni dell’ultimo conflitto mondiale.


Racchiusi nel motto “Fortuna Restituta” tre appuntamenti: la mostra, visite guidate notturne e – evento clou dei festeggiamenti - un gran galà lirico (martedì 5 alle 21) ospite d’onore Fiorenza Cedolins, il soprano italiano più affermato del momento in patria e all’estero cui il sindaco Aguzzi consegnerà un’onorificenza della città. Fano rende omaggio al Teatro e al suo nume tutelare, Giacomo Torelli, ingegnere, scenografo ma soprattutto scenotecnico di assoluto rilievo storico, padre del primigenio seicentesco teatro cui si sostituì, due secoli dopo l’attuale struttura del Poletti.


“Giacomo Torelli a Venezia (1641-1644)” (dal 2 al 15 agosto tutti i giorni dalle 19 alle 24, ingresso gratuito) è un’estrapolazione aggiornata della sezione dedicata al periodo veneziano della mostra “Giacomo Torelli. L’invenzione scenica nell’Europa barocca” del 2000 curata, quella come questa, da Francesco Milesi, “l’evento culturale a Fano più importante degli ultimi decenni – secondo il sovrintendente del Teatro Simone Brunetti -, tributo doveroso che la città doveva al suo figlio più importante”.


Fanese, Giacomo Torelli (1604-1678), celebratissmo a Venezia e Parigi, fu tra i massimi ingegni della scenografia barocca, inventore delle ‘mutazioni a vista’ che gli procurarono il titolo di ‘Grand Sorcier’ (Grande Stregone) della corte del giovane Luigi XIV (il Re Sole). In esposizione reperti della sua triennale permanenza a Venezia che iniziò con una probabile e, se così, fondamentale esperienza di costruttore navale maturata all’interno dell’Arsenale.


Nel 1641 progetta il Teatro Nuovissimo e cura l’allestimento del melodramma La finta pazza (libretto di Giulio Strozzi, musica di Francesco Cavalli), cui segue nel 1642 quello del Bellerofonte (libretto del fanese Vincenzo Nolfi, musica di Francesco Sacrati), nel 1643 quello della Venere gelosa (libretto di Niccolò Enea Bartolini, musica di Francesco Sacrati) e nel 1644 la Deidamia (libretto di Scipione Herrico, musica di Francesco Cavalli). Il periodo veneziano del Torelli si conclude nel 1644 con l’allestimento dell’Ulisse errante (libretto di Giacomo Badoaro, musica di Francesco Sacrati), rappresentato presso il teatro dei SS. Giovanni e Paolo, quindi lascia Venezia e si trasferisce a Parigi.


Nel 1677 è di nuovo a Fano dove progettò e curò i lavori di costruzione del Teatro della Fortuna e dell’allestimento dello spettacolo inaugurale Il Trionfo della Continenza considerato in Scipione Africano con musiche di Alessandro Melani. Sempre sabato 2, alle 22.30 primo appuntamento con “I ricordi del Grand Sorcier”, passeggiata notturna nel Teatro con la partecipazione di alcuni “straordinari” ospiti.


Una speciale visita guidata del Teatro della Fortuna (ingresso 5 euro, gratuito under 12, si ripete mercoledì 6) durante la quale si incontreranno i personaggi che ne hanno fatto la storia, da Torelli, appunto, ad altri, e che racconteranno “direttamente” esperienze e aneddoti legati alla vita dell’istituzione teatrale fanese. Botteghino.


Info: piazza XX Settembre 61032 Fano, Tel. 0721.800750 fax 0721.827443, botteghino.teatro@comune.fano.ps.it. Apertura: dal lunedì al venerdì esclusi i festivi 17 - 19 | Nei giorni di spettacolo 10 - 12 e dalle 17 in poi. Biglietteria online sul sito www.ticketone.it o presso i centri TicketOne e, in particolare, nelle filiali della Banca di Credito. Visita “I ricordi del Grand Sorcier”: Info e prenotazioni presso il botteghino del teatro oppure Cooperativa Comedia, da lunedì a venerdì dalle 9 alle 12, Tel. 0721.830638 - cell. 333.2138423.








Questo è un comunicato stampa pubblicato il 01-08-2008 alle 01:01 sul giornale del 01 agosto 2008 - 1157 letture

In questo articolo si parla di teatro, fano, spettacoli, teatro della fortuna, Fondazione Teatro della Fortuna, riapertura teatro della fortuna, ritrattotorelli





logoEV
logoEV