Torriani: Caserma Paolini, un affare per pochi

Francesco Torriani 3' di lettura Fano 18/03/2008 -

L\'intervento della lista civica La Tua Fano sull\'acquisto dell\'ex caserma Paolini è, come spesso accade a tutte le forze nate \"contro qualcosa\" e non per \"fare qualcosa\", emblematico e da un certo punto di vista didattico per capire la situazione politica fanese.

Infatti, continuare a camuffare la realtà con il dire tutto ed il contrario di tutto è tipico di che vuol confondere le acque e comunque \"galleggiare\" nello scenario politico senza conoscere la rotta da seguire.




Ma andiamo ai fatti. Si dice che \"Pesaro ha sistemato la sua viabilità \"vendendo\" la propria società multiservizi, Aspes, ad Hera. Ora Fano ha la sua opportunità creata dalla lungimiranza dell\'attuale amministrazione Aguzzi e non sarà l\'ostruzionismo dell\'opposizione a fermare questo processo\".


I fanesi devono sapere che Pesaro non ha privatizzato la proprietà della rete idrica, che rimane interamente pubblica, ma la gestione della rete idrica. Non è questa una differenza da poco.


Invece, l\'attuale giunta fanese, sentite la lungimiranza degli attuali amministratori, decide di confluire tutto il patrimonio immobiliare del Comune di Fano in una società per poi inevitabilmente privatizzarla e quindi venderla, per acquistare l\'ex caserma, che è già di proprietà pubblica.

Gli attuali amministratori della nostra città dovrebbero spiegarci i veri motivi per cui si sono arrampicati anche sugli specchi pur di difendere la totale natura pubblica della propria azienda di servizi, l\'Aset, mettendo un veto alla partecipazione dei privati, anche se minoritaria, nella semplice erogazione dei servizio e non nell\'acquisto della proprietà che comunque rimaneva pubblica, e ora per acquistare un immobile, già di proprietà pubblica, scopre l\'utilità dei privati nella valorizzazione del patrimonio comunale ed è disposta a vendere la proprietà e non la gestione.


Il Presidente della Provincia Ucchielli, con i suoi interventi non fa che esercitare in modo responsabile il proprio ruolo di fronte all\'ennesima prova di inadeguatezza della Giunta di centro destra capitanata da Aguzzi.

Infatti, di fronte ad un\'Amministrazione comunale incompetente, per essere benevoli, cosa deve fare il livello provinciale? Stare a guardare? Credo proprio di no.


Il PD non ha mai demonizzato le STU, tutt\'altro, ma queste società di trasformazione urbana vanno fatte quando ci sono le condizioni e non per mascherare scenari inquietanti per la nostra città.

La posizione del PD da questo punto di vista non ammette strumentalizzazioni di sorta e chi non vuol capire ha altri obiettivi e non certo quelli del PD fanese:


1 Si all\'acquisto dell\'ex caserma;

2 Si alla sua valorizzazione al servizio della città;

3 Si al coinvolgimento delle diverse categorie e associazioni cittadine per definirne la destinazione d\'uso;

4 Si al coinvolgimento dell\'Amministrazione provinciale nell\'acquisto e anche nella creazione di una società ad hoc;

5 Si all\'alienazione di quei beni comunali non strategici per la crescita della città;

6 NO al metodo che l\'attuale Amministrazione comunale ha pianificato per acquistare la caserma.


Infatti, svendere il proprio patrimonio immobiliare a gruppi imprenditoriali/finanziari che probabilmente non hanno nulla a che fare con la storia della nostra città, per acquistare un immobile che è già di proprietà pubblica, è si stupefacente.


E\' evidente, infatti, che il meccanismo delle STU, così come è stato impostato nella delibera di indirizzo approvata lo scorso 11 marzo, non da nessuna garanzia che venga perseguito un interesse collettivo nella valorizzazione del patrimonio comunale, anzi, lascia intravedere tutta una serie di scenari ben diversi in cui gli interessi della società di capitali difficilmente collimeranno con quelli della comunità fanese.



da Francesco Torriani

Segretario Partito Democratico Fano





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 18-03-2008 alle 01:01 sul giornale del 18 marzo 2008 - 937 letture

In questo articolo si parla di politica, Francesco Torriani, Partito Democratico Fano





logoEV