Lavori alle scogliere di Marotta, Diotallevi accusa: \"Da Comune e Regione solo promesse\"

Popolo della Libertà 1' di lettura Fano 05/03/2008 - Ci voleva un delegazione guidata da Solazzi, Carrabs e Moschini per capire che il problema dell\'erosione delle spiagge di Marotta deve essere risolto e che quello che è stato fatto fino ad oggi, proprio dagli stessi, non è sufficiente?! Paradossale, anzi vergognoso!


Il tema delle scogliere va avanti da decenni e ogni volta ci sentiamo dire che verrà risolto a breve. Negli ultimi due anni Solazzi e Cavallo ci hanno assicurato con comunicati stampa trionfalistici che con i lavori che si stavano eseguendo, e che sono terminati solo da alcuni giorni, tutti i problemi sarebbero stati risolti definitivamente. Invece dopo il nuovo sopralluogo emerge ancora una volta quello che dicevamo noi da mesi e cioè che gli interventi realizzati non sono sufficienti e che si dovrà ancora una volta intervenire.


Gli operatori avevano già segnalato durante i lavori che alcuni tratti di scogliere erano rimaste più basse rispetto alle altre, ma i tecnici della Regione avevano spiegato che non era possibile portarle subito al livello delle altre in quanto hanno le basi troppo piccole. Occorrerà ora elaborare, realizzare e finanziare un nuovo progetto per allargare le basi e rialzare le scogliere rimaste più basse, ma quanti anni ci vorranno?


Quanti altri danni dovranno subire i nostri operatori? Più che ringraziare Carrabs e Solazzi, vista la capacità dimostrata nel risolvere il problema, sarebbe da mandarli a casa.... altro che Parlamento.








Questo è un comunicato stampa pubblicato il 05-03-2008 alle 01:01 sul giornale del 04 marzo 2008 - 974 letture

In questo articolo si parla di politica, carlo diotallevi, per cambiare, alleanza nazionale